02/07/2019

Endometrio disomogeneo e terapia sostitutiva

Professor Enrico Ferrazzi e l'equipe Mangiagalli di ginecologia e ostetricia Pubblicato il 02/07/2019 Aggiornato il 02/07/2019

La terapia sostitutiva può influenzare le caratteristiche dell'endometrio senza che questo sia necessariamente un segno preoccupante.

Una domanda di: Maria
Gentile Professore,
le scrivo perchè sono molto spaventata. Sono stata in cura sostitutiva per la menopausa per quasi 20 anni . Negli ultimi anni ho usato Sandrena e Progeffik. Ho 67 anni e ogni volta che ho cercato di interrompere questa terapia sono stata sempre male con sudorazioni , tachicardia eccetera. Questo mese, dopo la cosiddetta mestruazione farmacologica, tra l’altro molto dolorosa, mi sono accorta che non riuscivo più a ritornare pulita in quanto proseguivano delle perdite caffeinate a volte più slavate a volte marrone . Ho fatto una visita ginecologica (controllo che non facevo da un anno) con relativa ecografia transvaginale dove mi è risultato un endometrio disomogeneo ed ispessito di 4,4 mm mentre prima era 3,3 . La ginecologa a cui mi sono rivolta mi ha consigliato l’immediata sospensione di HRT. Già da ieri sera ho seguito il consiglio. Vorrei, gentilmente, sapere da lei se è il caso di preoccuparmi e di eseguire subito ulteriori esami. La ringrazio per la sua gentile risposta.
Professor Enrico Ferrazzi e l'equipe Mangiagalli di ginecologia e ostetricia
Professor Enrico Ferrazzi e l'equipe Mangiagalli di ginecologia e ostetricia

Cara signora,
un endometrio di 4 mm nel corso della terapia sostitutiva è normale. La terapia sostitutiva ciclica come quella che lei sta facendo NON comporta un aumento di rischio di patologie dell’endometrio, salvo che lei sia obesa o ipertesa (ma di questo lei non mi riferisce nulla).
Francamente non capisco perchè sospendere immediatamente la terapia sostituiva, soprattutto visti i sintomi che questo le procura.
Potrebbe usare ESTREVA gel con una dose lievemente ridotta rispetto a Sandrena ( due applicaizone al giorno di ESTREVA corrispondono al 70% di una bustina di Sandrena),
Se la mestruazione è stata dolorosa è perché poteva esserci in fenomeno infiammatorio.
Con questa dose ridotta faccia due nuovi cicli e poi dopo la seconda simil-mestruazione le consiglio di effettuare un controllo ecografico magari in un centro di riferimento per la menopausa. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Professor Enrico Ferrazzi e l'equipe Mangiagalli di ginecologia e ostetricia