14/08/2020

Coronavirus, oltre il vaccino

Maura Prianti
A cura di Maura Prianti
Pubblicato il 14/08/2020 Aggiornato il 14/08/2020

Non sono un’alternativa, ma una soluzione complementare alla (futura) vaccinazione contro il Covid-19. Si tratta di 3 anticorpi monoclonali superpotenti. Ecco perché

Cornavirus speciale

Una nuova strada contro il Covid-19

«Al vaccino oggi si dedicano 200 laboratori. Noi saremmo stati il 201esimo» spiega Rino Rappuoli, coordinatore del Mad (Monoclonal antibody discovery) Lab di Fondazione Toscana Life Sciences e chief scientist per la divisione vaccini della multinazionale farmaceutica Gsk.

  • «Gli anticorpi monoclonali, invece, sono portati avanti da 6 o 7 gruppi nel mondo. Volevo fare qualcosa di speciale e a Siena abbiamo effettivamente selezionato tre anticorpi che sono mille volte più potenti degli altri» chiarisce lo scienziato.

I magnifici tre

Nel laboratorio Mad di Fondazione Toscana Life Sciences sono stati individuati tre anticorpi monoclonali specifici contro il nuovo Coronavirus molto potenti, cioè che hanno un’alta capacità di bloccare il virus.

  • «Questi tre riconoscono il virus che provoca il Covid-19 e lo sanno individuare molto bene. Non solo: riescono anche a bloccarlo per impedirgli di infettare le cellule umane» spiega la dottoressa Claudia Sala, senior scientist del Mad (Monoclonal antibody discovery) lab della Fondazione Toscana Life Sciences a Siena.

A breve paritirà la sperimentazione sull’uomo

Al momento questi risultati sono stati ottenuti in laboratorio, realizzando anticorpi monoclonali a partire da quelli naturalmente prodotti da persone convalescenti da Covid-19 curate all’ospedale Le Scotte di Siena o all’istituto malattie infettive Spallanzani di Roma, ma a breve dovrebbe partire la sperimentazione di fase I che coinvolgerà volontari sani.

Il testo completo dell’articolo è su Viversani & belli 34, in edicola fino a giovedì 20 agosto poi è possibile richiederne l’arretrato: tel. 02.66505964.