02/01/2019

Calza della Befana, con la regola delle 3 C piace di più

Maura Prianti
A cura di Maura Prianti
Pubblicato il Aggiornato il 03/01/2019

Sei alle prese con la preparazione della calza per l'Epifania? Ecco 3 consigli del pediatra per non sbagliare, su 1 noi non siamo d'accordo. E tu?

Girls opening Christmas stockings
Anche tu stai revisionando la scopa per trasformarti in Befana? Tutte le mamme e qualche papà a breve riempiranno le calze dei loro bambini. Sarà per questo che uno dei più autorevoli pediatri italiani, Italo Farnetani, ha creato la regola delle 3 C per una calza perfetta. Ecco in che cosa consiste.

 

C… come compiti!

L’iniziale di questa parola è alla base della regola inventata dal dottor Farnetani, ordinario alla Libera università degli Studi di scienze umane e tecnologiche di Malta: «Niente compiti: l’Epifania è l’ultimo giorno delle vacanze, se il lavoro a casa non è terminato inutile passare il 6 gennaio a cercare di recuperare il tempo perduto» spiega il pediatra. «Meglio mettere nella calza una giustificazione da consegnare alla maestra e trascorrere l’ultima festività a giocare in famiglia o a scoprire antiche tradizioni popolari, in giro per l’Italia» conclude Farnetani.

Niente carbone? Mah…

C anche come carbone. Il dottor Farnetani suggerisce di personalizzare sempre la calza della Befana, anche se si regala una già fatta, ma proibisce il carbone: «Pure se dolce lascerebbe l’amaro in bocca ai bambini» spiega il pediatra. E se i piccoli non sono sempre stati degli angioletti? Noi qualche tizzone (di zucchero nero) glielo faremmo trovare…

Sì al cioccolato

E per finire C come cioccolato: «È ricco di grassi buoni» chiarisce il dottor Farnetani ed è meglio di tanti snack industriali, aggiungiamo noi. Certo è un po’ calorico, ma per l’alimentazione sana c’è a disposizione tutto l’anno, almeno nei giorni di festa dimentica la dieta! I bambini poi dopo un po’ si stufano a mangiare cioccolato, mentre tanti dolcetti diversi sono un invito a provarli tutti.

Fino a che età regalare la calza?

Fino ai 100 anni! Se tuo figlio è grandicello e non crede più alla Befana prova a proporgli di fare lui una calza, magari per i nonni. A tutti fa piacere “ricevere una dolce sorpresa” e poi nella calza dei più grandi va bene mettere pochi dolciumi, bastano pochi pensieri, ma affettuosi.