Labbra: cosa fare e cosa no per mantenerle morbide

Alberta Mascherpa Pubblicato il Aggiornato il 05/12/2018
Per evitare screpolature e fastidiosi taglietti servono prodotti che proteggono e nutrono, ma anche gesti attenti per prevenire la disidratazione
labbra morbide

Grazie all’uso di gloss, rossetti e balsami le donne sono avvantaggiate rispetto agli uomini per quel che riguarda il fastidioso problema delle labbra screpolate: per quanto colorati i cosmetici contengono sostanze idratanti e nutrienti, preziose per la mucosa labiale.

Più che delicate, con una pelle sottile e povera di sebo, le labbra sono esposte sempre agli agenti esterni che le disidratano e che in inverno si fanno più aggressivi.

Freddo e vento, aria secca nei locali riscaldati e bruschi sbalzi di temperatura compromettono velocemente il già fragile velo protettivo che riveste la mucosa favorendo aridità e secchezza che se non vengono tamponate subito portano a screpolature e piccoli, dolorosi taglietti soprattutto ai lati delle labbra.

Cosa fare

Potenziare il nutrimento. Bene quindi per rossetti e gloss ma sotto meglio sempre applicare un balsamo oppure uno stick che offrano nutrimento e protezione. Da cercare tra gli ingredienti c’è innanzitutto il burro di karité, grasso vegetale che non solo nutre ma anche rigenera, ricompatta, lenisce.

Volendo lo si può comprare nella versione pura e dopo averlo scaldato un po’ tra le dita per renderlo più morbido applicarlo sulle labbra. Magari la sera la dose può essere più generosa quasi a creare un impacco rigenerante da lasciare agire durante il riposo.

L’aiuto prezioso che arriva dalla dispensa è quello del miele: gli zuccheri che contiene aiutano il processo di cicatrizzazione delle piccole ferite e tolgono il rossore. Se poi il miele si massaggia dolcemente sulle labbra si ottiene uno scrub delicatissimo che porta via con dolcezza le screpolature e ripristina la morbidezza.

Cosa non fare

È naturale che sentendo le labbra secche si cerchi di inumidirle con la saliva. Un gesto da dimenticare, innanzitutto perché l’umidità a contatto con il freddo evaporando porta via l’acqua presente nella mucosa rendendola ancora più arida; la saliva poi contiene sostanze acide che peggiorano l’irritazione e favoriscono i taglietti. Attenzione anche a non mordicchiarsi, magari distrattamente, le labbra perché si creano piccole lesioni che sulla mucosa secca possono facilitarne la rottura.


L'esperto consiglia

Anche l’esposizione al sole tende a inardire la mucosa; in città ma soprattutto in montagna balsami e stick con filtri solari sono un potente scudo protettivo con cui “vestire” le labbra ogni volta che si esce.