01/07/2019

Antiage: beauty routine alla vitamina A

Simona Lovati
A cura di Simona Lovati
Pubblicato il Aggiornato il 22/07/2019

Contrasta le rughe, esfolia e purifica. La vitamina A è una sostanza multitasking che si adatta a numerose esigenze beauty

vitamina a

Per il suo forte potere antiossidante è annoverata tra gli ingredienti imprescindibili nella formulazione degli skincare ad effetto antietà. Non solo.

Grazie alle sue diverse declinazioni è un ottimo alleato anche per trattare le cuti impure e a tendenza acneica.

La dottoressa Magda Belmontesi, dermatologo a Milano e Vigevano, ci spiega le virtù di questo prezioso amico della pelle.

Nome in codice

Dagli addetti ai lavori è conosciuta come “vitamina epitelio protettrice”, proprio per la sua azione difensiva e rigeneratrice nei confronti dell’epidermide. Ma non è tutto.

Penetrando nelle cellule cutanee ne stimola il turnover. Qui la vitamina A si trasforma in acido retinoico (che in Italia e in Europa per uso topico è consentito solo come farmaco), utile per favorire la produzione di nuove fibre di collagene.

Diverse sfaccettature

La vitamina A è disponibile in diverse varianti all’interno dei cosmetici. Come orientarsi all’acquisto? Tra le forme più conosciute troviamo:

  • Il retinolo è utile per pelli impure e per il suo effetto anti-invecchiamento. Nei peeling medici può essere associato a sostanze idratanti per poter essere applicati persino sulle pelli più sensibili
  • La reginaldeide, una versione chimica prodotta in laboratorio, è utile nei cosmetici dedicati  sempre alla purificazione e all’anti-età
  • I retinoidi che raggruppano tutti i derivati della vitamina A, hanno nella maggior parte dei casi proprietà esfolianti e vengono impiegati per il trattamento di alcune patologie dermatologiche come acne e psoriasi.

La forma giusta

In genere, la più alta concentrazione di vitamina A (o derivati) è presente nei sieri, mentre nelle creme è addizionata ad altri attivi funzionali.

Negli integratori è contenuta in dosi minime (indicata dalle tabelle dei fabbisogni nutrizionali), mentre il betacarotene (un suo precursore) favorisce l’abbronzatura e, insieme ad altre componenti, aiuta a prevenire scottature ed eritemi.

Maneggiare con cura

Sulle pelli sensibili, il consiglio è di iniziare con cosmetici a basso dosaggio di vitamina A da applicare preferibilmente la sera a giorni alterni, per evitare rossori ed esfoliazione.

Sul contorno occhi, meglio utilizzare il retinolo solo se è stato già testato (senza effetti secondari) sulla cute del volto.

Per uso topico, questa molecola non ha controindicazione. L’acido retinoico invece non è indicato in gravidanza e allattamento, così come per uso sistemico, cioè per bocca.

A tavola

Tra gli alimenti a più alto contenuto di vitamina A ci sono: fegato, formaggio grana, tuorlo d’uovo, albicocche, carote crude, tarassaco, prezzemolo, basilico, rucola, pomodori, mango, spinaci.