Carbossiterapia per un viso tonico, luminoso e dai contorni definiti

Redazione Pubblicato il Aggiornato il 23/02/2016

CO2 antiage: oggi carbossiterapia è sinonimo di ringiovanimento per viso, collo e décolleté

Carbossiterapia per il viso

È capace di restituire tono e compattezza alla pelle, di migliorarne la qualità in termini di elasticità, ossigenazione, spessore. Stiamo parlando della carbossiterapia, una terapia a base di anidride carbonica (CO2) medicale.
Probabilmente più conosciuta per i trattamenti dedicati al corpo, perché da tempo utilizzata per rassodare, per ridurre gli accumuli di grasso e la cellulite, si è rivelata una soluzione particolarmente adatta anche al viso.

Gas di bellezza

Niente altro che anidride carbonica, dunque, per ridefinire i contorni dell’ovale. Iniettata sottopelle è in grado di favorire la vasodilatazione e ripristinare il corretto flusso di sangue nei tessuti scarsamente ossigenati e per questo opachi e poco elastici (asfittici), e di migliorare il processo di rigenerazione cellulare, aumentando lo spessore del derma.

Modulando dose, volume e velocità di erogazione del gas e la profondità di iniezione, è possibile ottenere almeno tre diversi effetti sulla pelle

L’effetto tonificante è molto utile per ridisegnare il contorno dell’ovale e per dare maggiore tensione alle palpebre e al contorno occhi; l’effetto ridensificante è utile su tutto il viso per migliorare il colore e lo spessore cutaneo e, infine, l’effetto riducente che può essere utilizzato per rimodellare un mento appesantito da un po’ di grasso.

Un gonfiore che cancella le rughe

Il gas viene iniettato nel derma alla profondità di circa un millimetro. Quanto più gas viene iniettato tanto maggiore sarà l’area in cui si propagherà e che quindi beneficerà del trattamento.
Quando la pelle riceve il gas si “gonfia” causando uno scollamento. Questo, ripetuto seduta dopo seduta, è il meccanismo (descritto in maniera molto semplice) che permette la correzione delle rughe eventualmente presenti.

Per il viso

Per ridefinire l’ovale il medico esegue circa quattro iniezioni lungo il contorno del viso, dall’orecchio al mento, da entrambi i lati. Se necessario tratta le rughe nasogeniene (quelle che vanno dagli angoli del naso a quelli della bocca) e le glabellari (le rughe che si formano tra le sopracciglia).

Per il contorno occhi

L’applicazione nella zona del contorno occhi prevede una o due iniezioni vicino l’angolo esterno dell’occhio. L’effetto si ha sulle “zampe di gallina” perché le spiana, sulle borse perché, migliorando l’ossigenazione, le rende meno evidenti e sulle palpebre che riacquistano tono.

Per il collo

L’applicazione può continuare anche sul collo e alla sua base, per cancellare le cosiddette “collane di Venere” e anche per restituire elasticità, compattezza e spessore alla sottile pelle del décolleté.

Costi e sedute

La carbossiterapia non ha controindicazioni. La sua capacità di agire sulla struttura del derma è oggi confermata da rigorosi studi scientifici. Per avere buoni risultati è consigliata una seduta a settimana per 4 settimane e poi una seduta ogni 15 giorni per altre 4 volte. I risultati devono poi essere mantenuti con sedute mensili. Ogni seduta ha un costo medio di circa 100 euro.

L'esperto consiglia

Il trattamento deve essere eseguito da un medico. Gli specialisti sono infatti dotati di apparecchiature certificate e riconosciute dal Ministero della Salute. E questo è una ulteriore garanzia di sicurezza.