Gli altri ti vedono diversa da come sei? Ecco perché e cosa puoi fare

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 05/12/2018
Giudizi, critiche, etichette. Quanto fanno male. Soprattutto quando l'immagine che gli altri hanno di noi è così diversa da come riteniamo di essere
come mi vedono gli altri

Quante volte ti sei chiesta perché gli altri ti vedono in un determinato modo, quando  tu hai una visione molto differente di te stessa? Questione di prospettive. Quando il divario tra la propria considerazione di sé e la valutazione degli altri è ampio, si può arrivare a mettere in crisi la propria identità e perdere autostima.

Non ti riconosci nel ritratto che gli altri fanno di te? Impara a conoscerti e a farti conoscere meglio

Guida all’autoconsapevolezza di sé in 4 passi

Migliorare la considerazione che amici, colleghi e familiari hanno di noi non è impossibile. Ecco i consigli dei life coach.

  1. L’idea che gli altri si fanno di te è mutevole, cambia a seconda dei momenti e delle circostanze, per cui non vale la pena disperarsi, ma è utile prendere ogni critica come uno spunto per rafforzarsi e non sentirsi più in balia dei giudizi esterni.
  2. Cerca di conoscerti il più possibile, senza escludere o rifiutare nessuna parte di te stessa, affinché tu possa essere consapevole anche delle caratteristiche più “scomode”.
  3. Distinguere. Considera bene chi sta mettendo in dubbio il tuo modo di fare: è un amico, che ti conosce bene , ti vuole bene e sta cercando di aiutarti? Oppure è una persona che non sa nulla di te e sta solo cercando di smontarti, magari per interesse o insicurezza? Solo nel primo caso vale la pena riflettere sul proprio operato e chiederti se e dove hai sbagliato.
  4. Migliora la comunicazione di te. Cerca di dire agli altri quello che sei davvero, nel bene e nel male, senza maschere o forzature. Hai a disposizione tre canali comunicativi: verbale, paraverbale (tono di voce, timbro, volume, velocità) e corporeo (postura, gestualità). Quando sono tutti e tre in sintonia (cioè si esprime a parole qualcosa che è sostenuto anche da tono di voce e modalità corporee corrispondenti), la comunicazione è efficace: è facile per chi  sta di fronte cogliere il tuo autentico modo di essere. È importante lavorare sulla dimensione corporea e paraverbale perché sono quelle che tradiscono, con la loro spontaneità, aspetti di te che magari non conosci o vuoi nascondere, ma che all’occhio oggettivo e giudicante degli altri non sfuggirà.