15/04/2021

Cambiamenti: 3 strategie per accettarli

Emanuela Bruno
A cura di Emanuela Bruno
Pubblicato il 15/04/2021 Aggiornato il 15/04/2021

Essere flessibili di fronte alle trasformazioni è importante per trovare un nuovo equilibrio: non accettarle passivamente, ma guidare il processo di evoluzione, permette di crescere e migliorare

Accettare i cambiamenti

Cambiare è normale, fa parte della vita. Con il passare del tempo si trasformano il corpo, il carattere e si modificano le situazioni intorno a noi, a volte anche drasticamente: adattarsi al cambiamento è necessario, ma non è sempre facile. La psicologa e psicoterapeuta Ilaria Riviera, nel corso di un recente webinar organizzato da Sloggi sull’importanza dell’adaptiveness nel mondo di oggi, ha spiegato infatti che la prima reazione che tutti ai cambiamenti improvvisi o drastici è di shock, di negazione, di rifiuto. Adattarsi richiede tempo e, a volte, molto lavoro su se stesse.

Ognuno di noi ha un equilibrio e fa di tutto per mantenerlo: uscire dalla propria comfort zone è difficile e fa paura, non abbiamo certezze su che cosa ci aspetti fuori.

Senza paura

Quello che ci blocca nell’affrontare i cambiamenti è il timore di non farcela, di non essere all’altezza. Invece, secondo l’esperta, è necessario essere flessibili. Ecco i suoi 3 tips per accettare e assecondare le trasformazioni.

  1. Se la situazione intorno a noi cambia, dobbiamo cercare di modificarci con lei. Non dobbiamo rimuginare troppo, perché accresceremmo soltanto la paura di cambiare: dobbiamo agire. Bastano anche piccoli comportamenti molto semplici, per sostituire gradualmente un nuovo equilibrio a quello vecchio.
  2. Quando incontriamo situazioni che non ci piacciono (ma che non possiamo modificare), dovremmo cercare di cambiare la nostra mentalità, il nostro approccio e il punto di vista. Ogni cosa può essere osservata da diverse angolature: bisogna provare a non soffermarsi sulle cose che non piacciono o che fanno stare male. Non a caso, le persone che riescono agevolmente a fare fronte ai cambiamenti si soffermano sui loro lati positivi. Cambiando possiamo crescere, perché proprio nelle difficoltà si riesce a fare emergere (a volte a scoprire) le maggiori risorse di cui si dispone.
  3. Se intorno a noi tutto cambia, non dobbiamo subire passivamente gli eventi, ma decidere attivamente come cambiare anche noi stesse e la nostra vita. Questo permette di adattarci meglio alla trasformazione. Come fare? Servono una buona capacità di analisi e una profonda conoscenza di se stesse: questo permette di capire come vogliamo diventare, in che direzione stiamo andando, dove vogliamo arrivare e quali sono i nostri obiettivi.