29/06/2021

Coppia: non è bello quel che è bello…

Veronica Colella Pubblicato il 29/06/2021 Aggiornato il 30/06/2021

La ricerca del corpo ideale è spesso motivo di insoddisfazione. La buona notizia è che le aspettative dei potenziali partner potrebbero essere molto più ragionevoli di quanto pensiamo

coppia - bellezza

Ogni epoca storica ha i suoi ideali di bellezza. Quelli di oggi sembrano particolarmente irraggiungibili, soprattutto se non si tiene conto dell’aiutino che la tecnologia concede a modelle e attrici per ottenere quella perfezione angelica che esiste solo in foto.

La buona notizia è che nella ricerca di potenziali partner la maggior parte delle persone ha aspettative molto più realistiche, sia per un flirt che per una relazione più seria.

Anzi, secondo un recente studio pubblicato sul British Journal of Psychology la tendenza generale di uomini e donne eterosessuali è di sovrastimare l’importanza di muscoli e pancia piatta agli occhi dell’altro.

Il corpo ideale

La preoccupazione principale degli uomini è di non essere abbastanza muscolosi, quella delle donne di non essere abbastanza magre. Se i sogni fossero desideri gran parte del pianeta sarebbe abitato da cloni di Henry Cavill e Anya Taylor-Joy, ma ciò che è davvero attraente per l’altro sesso è molto più vicino alla media che agli ideali di perfezione. È la conclusione a cui sono giunti alcuni ricercatori dell’Università di Saint Andrews, in Scozia, utilizzando modelli 2D per valutare le preferenze effettive di ragazzi e ragazze del Regno Unito di età compresa tra i 17 e i 26 anni. Ai partecipanti è stato chiesto di utilizzare i modelli digitali per ottenere rappresentazioni il più possibile accurate del loro aspetto fisico, del loro fisico ideale, di quello più desiderabile in un partner per una relazione a breve termine, di quello più desiderabile in un partner con cui costruire una relazione a lungo termine e di quello che secondo loro sarebbe risultato più desiderabile per l’altro sesso in entrambi gli scenari. Infine, l’ultimo esercizio consisteva nel rappresentare la propria idea di un corpo in salute, sia maschile che femminile.

Sarà solo cortesia?

In generale, la percezione dei desideri degli altri sembra sbilanciata per eccesso. Le donne tendono a enfatizzare la magrezza femminile più di quanto interessi agli uomini, mentre gli uomini si aspettano che le donne siano attratte da un fisico più asciutto e muscoloso. È possibile che la paura di sembrare troppo esigenti abbia portato i partecipanti a dire qualche bugia bianca? Dal momento che i dati sono stati raccolti in forma anonima i ricercatori lo ritengono poco plausibile. Una possibilità che si riservano di indagare è se gli ideali di bellezza proposti dai media siano differenti per segmento di mercato. Una bella donna su una rivista maschile potrebbe non avere le stesse proporzioni di una bella donna su una rivista femminile e viceversa. Quale che sia la ragione di questa discrepanza, resta il fatto che gli standard che applichiamo a noi stessi sono sempre più rigidi.

Perché parlarne

L’importanza di sfatare il mito per cui la magrezza è bellezza o per cui i veri uomini devono votarsi alla palestra, spiegano i ricercatori, è che ad andarci di mezzo è l’autostima. Non è solo responsabilità dei media, ma anche delle pressioni subite in famiglia o dal continuo confronto con i corpi degli altri. Ricerche precedenti mostrano come questa crescente insoddisfazione rischi di danneggiare la salute di chi punta su diete improvvisate, sviluppa disturbi alimentari o si sottopone a regimi eccessivi di allenamento, magari assumendo integratori proteici o steroidi anabolizzanti senza controllo medico. Riconoscere la differenza tra ideali disincarnati e preferenze effettive potrebbe stimolare una doverosa discussione sul tema.