XYLONOR 50TBF 1,8ML

27,95 €

Prezzo indicativo

Principio attivo: LIDOCAINA CLORIDRATO/ADRENALINA BITARTRATO
  • ATC: N01BB52
  • Descrizione tipo ricetta: USPL - USO SPECIALISTICO
  • Presenza Glutine:
  • Presenza Lattosio: No Il farmaco non contiene lattosio

Data ultimo aggiornamento: 23/10/1996

Xylonor esplica la sua considerevole azione negli interventi particolarmente difficili: nei tessuti infetti, nelle estrazioni di denti affetti da paradontite, nella pulpectomia. È dunque il prodotto di scelta per gli interventi correnti, per la preparazione di denti vivi destinati a sopportare una protesi. Xylonor è indicato negli adulti, nei bambini e negli adolescenti.
1 ml di soluzione contiene 20 mg di lidocaina cloridrato anidra (corrispondenti a 21,34 mg di lidocaina cloridrato) e 12,5 microgrammi di adrenalina (corrispondenti a 22,75 microgrammi di adrenalina bitartrato). Eccipienti con effetti noti: ciascun ml contiene inoltre 1,20 ml di potassio metabisolfito (E224), e 0,11 mmol di sodio (2,602 mg/ml). Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

Controindicazioni

• Ipersensibilità alla lidocaina (a uno qualsiasi degli anestetici locali di tipo amidico) o all'adrenalina o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.
Dovute alla lidocaina: • Gravi disturbi della conduzione (ad es., bradicardia grave, blocchi atrioventricolari di II/III grado); • Porfiria intermittente acuta; • Pazienti epilettici scarsamente controllati.
Dovute all'adrenalina: • Ipertensione non controllata/grave; • Grave cardiopatia ischemica; • Tachiaritmia persistente/refrattaria; • Tireotossicosi; • Feocromocitoma.
Xylonor contenente epinefrina è controindicato nei soggetti con emicrania o negli ipertiroidei.

Posologia

Posologia Come per qualsiasi anestetico locale, le dosi variano e dipendono dall'area da anestetizzare, dalla vascolarizzazione dei tessuti, dal numero di segmenti nervosi da bloccare, dalla tolleranza individuale (grado di rilassamento muscolare e condizioni del paziente) e dalla tecnica e profondità dell'anestesia.
Deve essere utilizzata la dose minima necessaria per ottenere un'anestesia efficace.
Il dosaggio necessario deve essere stabilito caso per caso.
Adulti La dose massima raccomandata è di 7 mg/kg di peso corporeo per un adulto sano di 70 kg con una dose massima assoluta di 500 mg di lidocaina e 0,2 mg di adrenalina, qualunque sia la più bassa.
Di conseguenza, la dose di adrenalina è la dose limitativa indipendentemente dal peso:
  Equivalente in numero di cartucce
Dose di lidocaina (mg) Dose di adrenalina (mg) Volume (ml) 1,8 ml
320 0,200 16 8,9
Adolescenti (12-18 anni di età) e bambini (4-11 anni di età) Prestare particolare attenzione in caso di trattamento di bambini di età inferiore ai 4 anni.
La quantità da iniettare deve essere determinata in base all’età e al peso del bambino e all’entità dell’operazione.La tecnica di anestesia deve essere selezionata con attenzione.
Devono essere evitate tecniche di anestesia dolorose.
Durante il trattamento deve essere controllato attentamente il comportamento del bambino.
La dose media da usare è nell’intervallo tra 20 mg e 30 mg di lidocaina cloridrato per seduta.
In alternativa, la dose media in mg di lidocaina cloridrato che può essere somministrata nei bambini può essere calcolata dall’espressione: peso del bambino (in chilogrammi) x 1,33.
Non eccedere l’equivalente di 5 mg di lidocaina cloridrato per chilogrammo di peso corporeo.
Il numero di cartucce corrispondente alla dose massima di 5 mg/kg può essere calcolato nel modo seguente: peso del paziente (kg) x dose massima di lidocaina (mg/kg) / quantità di lidocaina per cartuccia (mg).
  Equivalente in numero di cartucce
Peso (kg) Dose di lidocaina (mg) Dose di adrenalina (mg) Volume (ml) 1,8 ml
20 100 0,0625 5 2,8
30 150 0,09375 7,5 4,2
40 200 0,125 10 5,6
50 250 0,15625 12,5 6,9
Popolazioni speciali A causa dell'assenza di dati clinici, devono essere adottate precauzioni particolari in modo da somministrare la dose minima necessaria per ottenere un'anestesia efficace nei pazienti anziani di età superiore ai 70 anni e nei pazienti con danno renale o compromissione epatica.
Modo di somministrazione Infiltrazione e uso perineurale nel cavo orale.
Prima dell'iniezione, si raccomanda di eseguire sempre un'aspirazione, onde evitare un'iniezione intravascolare.
Nella maggior parte dei casi è possibile evitare reazioni sistemiche gravi dovute a iniezione intravascolare accidentale tramite una tecnica di iniezione dopo l'aspirazione con una iniezione lenta: la velocità di iniezione non deve superare 1 ml di soluzione al minuto.
Per evitare il rischio di infezione (ad es., trasmissione dell'epatite), la siringa e gli aghi utilizzati per aspirare la soluzione devono essere sempre nuovi e sterili.
Monouso.
L'eventuale soluzione non utilizzata deve essere gettata.
Il medicinale non deve essere utilizzato se appare torbido o scolorito.
Per informazioni sulla manipolazione del prodotto, vedere paragrafo 6.6.

Avvertenze e precauzioni

Questo medicinale deve essere usato con cautela nei: Pazienti con malattie cardiovascolari: - Malattia vascolare periferica - Aritmie, in particolare di origine ventricolare; - Insufficienza cardiaca; - Ipotensione.
Il medicinale deve essere somministrato con cautela nei pazienti con funzionalità cardiaca compromessa, poiché potrebbero avere una ridotta capacità di compensare le alterazioni dovute al prolungamento della conduzione atrioventricolare.
Pazienti con malattia epilettica: A causa della loro azione convulsiva, tutti gli anestetici locali devono essere utilizzati con estrema cautela.
Pazienti con malattia epatica: Deve essere utilizzata la dose minima per l’ottenimento di un'anestesia efficace, vedere paragrafo 4.2.
Pazienti con malattia renale: Deve essere utilizzata la dose minima per l’ottenimento di un'anestesia efficace, vedere paragrafo 4.2.
Pazienti con miastenia grave: Deve essere utilizzata la dose minima per l’ottenimento di un'anestesia efficace Pazienti sottoposti a trattamento antiaggregante/anticoagulante: Deve essere preso in considerazione l'aumentato rischio di grave emorragia dopo puntura vasale accidentale durante gli interventi di chirurgia oro-maxillo-facciale.
Il monitoraggio dell’INR deve essere aumentato nei pazienti sottoposti a trattamento con anticoagulanti.
Pazienti con diabete non controllato: Questo prodotto deve essere usato con cautela a causa dell'effetto iperglicemico dell'adrenalina.
Pazienti con predisposizione a sviluppare glaucoma acuto ad angolo chiuso: Questo prodotto deve essere usato con cautela a causa della presenza di adrenalina.
Pazienti sotto l'effetto di sostanze illegali: L'efficacia del prodotto può essere ridotta in questi pazienti.
Pazienti anziani: Il dosaggio deve essere ridotto nei pazienti anziani di età superiore ai 70 anni (per la mancanza di dati clinici).
Il prodotto deve essere utilizzato in modo sicuro ed efficace in condizioni appropriate: L'adrenalina altera il flusso sanguigno a livello gengivale, causando possibile necrosi tissutale locale.
Gli effetti anestetici locali potrebbero essere ridotti se la lidocaina/l'adrenalina viene iniettata in un'area infiammata o infetta.
Esiste il rischio di traumi da morso (labbra, guance, mucose e lingua), soprattutto nei bambini; al paziente deve essere comunicato di evitare gomme da masticare o di mangiare fino a quando non riacquista la sensibilità.
Xylonor contiene potassio metabisolfito, un solfito che raramente può causare gravi reazioni di ipersensibilità e broncospasmo.
Questo medicinale contiene meno di 1 mmol (39 mg) di potassio per dose, cioè è praticamente “senza potassio”.
Questo medicinale contiene meno di 1 mmol (23 mg) di sodio per dose, cioè è praticamente “senza sodio”.
Precauzioni d’impiego Prima di utilizzare questo medicinale è importante: • Informarsi in merito alla diatesi del paziente, alle attuali terapie e all'anamnesi clinica; • Mantenere un contatto verbale con il paziente; • Tenere a portata di mano le attrezzature per la rianimazione (vedere paragrafo 4.9).
Rischio associato ad un’iniezione intravascolare accidentale: L'iniezione intravascolare accidentale (ad es., un'iniezione endovenosa involontaria nella circolazione sistemica, un'iniezione accidentale endovenosa o endoarteriosa nella zona della testa e del collo) può essere associata a gravi reazioni avverse, quali convulsioni, seguite da depressione del sistema nervoso centrale o cardiorespiratoria e coma, che possono condurre ad arresto respiratorio, a causa dell'improvviso livello elevato di adrenalina e/o lidocaina nella circolazione sistemica.
Di conseguenza, per assicurare che l'ago non penetri in un vaso sanguigno durante l'iniezione, deve essere eseguita un'aspirazione prima di iniettare l'anestetico locale.
Tuttavia l'assenza di sangue nella siringa non garantisce che non sia stata evitata un'iniezione intravascolare.
Rischio associato ad un'iniezione intraneurale: L'iniezione intraneurale accidentale può portare il farmaco a muoversi in maniera retrograda lungo il nervo.
Al fine di evitare un'iniezione intraneurale e prevenire lesioni associate ai blocchi nervosi, l'ago deve essere sempre ritratto leggermente se il paziente avverte una sensazione di scossa elettrica durante l'iniezione o se l'iniezione è particolarmente dolorosa.
Se si verifica una lesione del nervo da ago, l'effetto neurotossico può essere aggravato dalla potenziale neurotossicità chimica della lidocaina e dalla presenza di adrenalina, poiché questa può compromettere l’afflusso sanguigno perineurale e impedire l'eliminazione locale della lidocaina.
Rischio di cardiomiopatia di Takotsubo o cardiomiopatia da stress: È stata riportata cardiomiopatia da stress indotta dalle catecolammine iniettabili.
A causa della presenza di adrenalina, devono essere rafforzate le misure precauzionali e di monitoraggio nelle seguenti situazioni: pazienti stressati prima di una procedura dentale o condizioni d’uso che possono contribuire a indurre un passaggio sistemico di adrenalina ad esempio in caso di somministrazione di una dose più alta di quella raccomandata o in caso di iniezione intravascolare accidentale.
Qualsiasi conoscenza pregressa di queste condizioni di base in pazienti che richiedono l’anestesia dentale deve essere tenuta in considerazione e deve essere impiegata una dose minima di anestetico locale con vasocostrittore.
L'uso concomitante di altri medicinali può richiedere un attento monitoraggio (vedere paragrafo 4.5).
Occorre evitare qualsiasi sovradosaggio d'anestetico, e non somministrare mai due dosi massime di quest'ultimo senza che sia trascorso un intervallo minimo di 24 ore.
È necessario, comunque, usare le dosi e le concentrazioni più basse che possono consentire di ottenere l'effetto ricercato La soluzione anestetica deve essere iniettata con cautela in piccole dosi dopo 10 secondi circa da una preventiva aspirazione.
Specialmente quando si devono infiltrare zone molto vascolarizzate è consigliabile lasciare trascorrere circa due minuti prima di procedere al blocco loco-regionale vero e proprio.
Il paziente deve essere mantenuto sono accurato controllo sospendendo immediatamente la somministrazione dell'anestetico al primo segno d'allarme (p.
es.
modifìcazioni del sensorio).
È necessario avere la disponibilità immediata dell'equipaggiamento, dei farmaci e del personale idonei al trattamento di emergenza, poiché in casi rari sono stati riferiti, a seguito dell'uso di anestetici locali, reazioni gravi, talora ad esito infausto, anche in assenza d'ipersensibilità individuale all'anamnesi.

Interazioni

Dovute alla presenza di lidocaina Interazioni che richiedono precauzioni per l'uso Interazioni additive con altri anestetici locali La tossicità degli anestetici locali è additiva.
Tale aspetto non viene considerato importante in riferimento alla dose dell'anestesia dentale e alla concentrazione ematica negli adulti, ma richiede attenzione nei bambini.
La dose totale di lidocaina somministrata non deve superare la dose massima raccomandata.
Sedativi oppioidi (depressivi del sistema nervoso centrale) Devono essere utilizzate dosi ridotte di questo prodotto a causa dei possibili effetti additivi sul SNC della lidocaina e dei sedativi.
Inibitori del metabolismo (es.
cimetidina) Sono stati riferiti livelli sierici aumentati degli anestetici di tipo amidico in seguito alla somministrazione concomitante di cimetidina.
Bloccanti beta-adrenergici non selettivi (es.
propranololo, nadololo) Devono essere utilizzate dosi ridotte di questo prodotto a causa del possibile aumento della pressione sanguigna.
Si raccomanda uno stretto monitoraggio cardiovascolare.
Dovute alla presenza di adrenalina Interazioni non raccomandate Antagonisti adrenergici postgangliari (es.
guanadrel, guanetidina e alcaloidi della rauwolfia): Deve essere utilizzata una dose ridotta di questo prodotto sotto stretto controllo medico seguito da attenta aspirazione, a causa del possibile aumento della risposta ai vasocostrittori adrenergici: rischio di ipertensione e altri effetti cardiovascolari.
Interazioni che richiedono precauzioni per l'uso Anestetici volatili alogenati (es.
alotano): Devono essere utilizzate dosi ridotte di questo prodotto a causa della sensibilizzazione del cuore agli effetti aritmogenici delle catecolamine: rischio di aritmia ventricolare grave.
Lo stato emodinamico del paziente deve essere attentamente monitorato.
Bloccanti beta-adrenergici non selettivi (es.
propranololo, nadololo): Devono essere utilizzate dosi ridotte di questo prodotto a causa del possibile aumento della pressione sanguigna.
Si raccomanda uno stretto monitoraggio cardiovascolare.
Antidepressivi triciclici (TCA) (es.
amitriptilina, desipramina, imipramina, nortriptilina, maprotilina e protriptilina): La dose e la velocità di somministrazione di questo prodotto deve essere ridotta a causa del potenziamento dell'attività dell'adrenalina.
Si raccomanda uno stretto monitoraggio cardiovascolare.
Inibitori MAO [sia gli inibitori selettivi MAO-A (es.
brofaromina, moclobemide, toloxatone) che gli inibitori MAO non selettivi (es., fenelzina, tranilcipromina, linezolide)]: Utilizzare sotto stretto controllo medico a causa del possibile potenziamento degli effetti dell'adrenalina.
Inibitori della catecol-O-metiltransferasi (inibitori COMT) (es.
entacapone, tolcapone): Si possono manifestare aritmie, frequenza cardiaca aumentata e variazioni della pressione arteriosa.
Si raccomanda il monitoraggio cardiovascolare.
Farmaci con combinazione di effetti adrenergici/serotoninergici (es.
venlafaxina, milnacipran, sertralina): La dose e la velocità di somministrazione di questo prodotto devono essere ridotte in virtù degli effetti additivi o sinergici sulla pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.
Si raccomanda il monitoraggio cardiovascolare (preferibilmente mediante ECG).
Farmaci che causano aritmie in combinazione con l'adrenalina (es.
antiaritmici quali digitale, chinidina): La dose di somministrazione di questo prodotto deve essere ridotta a causa degli effetti additivi o sinergici sulla frequenza cardiaca.
Si raccomandano un'attenta aspirazione prima della somministrazione e il monitoraggio cardiovascolare (ECG).
Farmaci ossitocici derivati dell'ergot (es.
metisergide, ergotamina, ergonovina): Utilizzare questo medicinale sotto stretto controllo medico a causa degli incrementi additivi o sinergici sulla pressione sanguigna e/o sulla risposta ischemica.
Vasocostrittori simpaticomimetici (es.
in primo luogo la cocaina ma anche amfetamine, fenilefrina, pseudoefedrina, oximetazolina) e altri simpaticomimetici (es., isoproterenolo, levotiroxina, metildopa, antistaminici (quali clorfeniramina, difenidramina): Rischio di tossicità adrenergica.
Devono essere utilizzate dosi ridotte di questo prodotto.
Qualora sia stato fatto uso di cocaina nelle 24 ore precedenti, il trattamento odontoiatrico programmato deve essere posticipato.
Fenotiazine e altri neurolettici: Utilizzare sotto stretto controllo medico e monitoraggio cardiovascolare nel caso di pazienti con ipotensione, a causa della possibile inibizione dell'effetto dell'adrenalina.

Effetti indesiderati

a) Riassunto del profilo di sicurezza Le reazioni avverse dopo somministrazione del medicinale sono simili a quelle osservate con altri anestetici locali di tipo amidico associati con vasocostrittori.
Tali reazioni avverse sono generalmente correlate alla dose e possono essere causate da livelli plasmatici elevati dovuti a sovradosaggio, rapido assorbimento o iniezione intravascolare accidentale.
Possono altresì essere dovute a ipersensibilità, idiosincrasia o ridotta tolleranza da parte dei singoli pazienti.
Le reazioni avverse più frequenti includono patologie del sistema nervoso, patologie cardiache e vascolari.
Le reazioni avverse gravi sono in genere sistemiche.
La presenza dell'adrenalina aumenta il profilo di sicurezza del prodotto in virtù dei suoi effetti simpaticomimetici.
b) Elenco tabulare delle reazioni avverse Le reazioni avverse provengono da segnalazioni spontanee, studi clinici e da dati di letteratura.
La classificazione della frequenza secondo Convenzione MedDRA è la seguente: Molto comune (≥ 1/10), Comune (≥1/100, <1/10), Non comune (≥1/1.000, <1/100), Raro (≥1/10.000, <1/1.000), Molto raro (< 10.000) e Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).
Classificazione per sistemi e organi secondo MedDRA Frequenza Effetti avversi
Infezioni ed infestazioni Molto raro Ascesso della bocca, Osteite alveolare
Non nota Gengivite
Disturbi del sistema immunitario Raro Ipersensibilità
Reazioni anafilattiche/anafilattoidi
Disturbi psichiatrici Raro Stato confusionale, disorientamento, Logorrea
Molto raro Umore euforico, Ansia/Nervosismo/Agitazione/Irrequietezza
Patologie del sistema nervoso Comune Neuropatia periferica³, Nevralgia (dolore neuropatico), Ipoestesia / intorpidimento³, Disestesia, incluse: Disgeusia (es.
gusto metallico, alterazione del gusto)³, Ageusia³, Cefalea, Capogiro (confusione della mente), Tremore
Raro Profonda depressione del SNC: Perdita di coscienza, Coma, Convulsione4 (inclusecrisi tonico-cloniche), Pre-sincope, sincope, Disturbo del linguaggio (es.
disartria), Disturbo dell'equilibrio (sindrome da squilibrio), Sonnolenza, Nistagmo, Sindrome di Horner, Paralisi del III nervo cranico (paralisi dell'oculomotore)
Molto raro Parestesia (es.
sensazione di bruciore, sensazione di formicolio sulla pelle, vellichio senza causa fisica apparente)
Patologie dell'occhio 5 Raro Ptosi palpebrale, esoftalmo, Diplopia, Amaurosi, Midriasi, Miosi, Compromissione della visione, Visione offuscata, Disturbo dell'accomodazione
Patologie dell'orecchio e del labirinto Raro Vertigine
Molto raro Tinnito / Sensitività acustica aumentata
Patologie cardiache Comune Palpitazioni, Tachicardia
Molto raro Disturbi della conduzione (blocco atrio-ventricolare), Bradiaritmia, Bradicardia
Molto raro Depressione miocardica, Arresto cardiaco, Tachiaritmia (incluse extrasistoli ventricolari e fibrillazione ventricolare)6, Angina pectoris
Patologie vascolari Comune Ipotensione (con possibile collasso circolatorio), Ipertensione, Pallore (locale, regionale, generale)
Molto raro Vasodilatazione, Vasocostrizione, Vampate di calore
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche Comune Dispnea
Raro Broncospasmo/asma²
Non nota Depressione respiratoria, Apnea (arresto respiratorio), Ipossia4 (inclusa ipossia cerebrale), Ipoventilazione, Iperventilazione, Tachipnea, Bradipnea, Ipercapnia4, Sbadiglio, Disfonia (raucedine¹), Sibilo
Patologie gastrointestinali Comune Ipoestesia orale (e periorale)³, Disestesia orale (e periorale)
Non comune Nausea, Vomito
Molto raro Parestesia orale (e periorale), Tumefazione delle labbra, delle gengive, della lingua8
Non nota Esfoliazione della gengiva/mucosa orale (scollamento)/ulcerazione/necrosi dentale7, Disfagia¹, Stomatite, glossite, Diarrea
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Non comune Rash (eruzione cutanea), Prurito
Raro Angioedema¹ (edema al volto / lingua / labbra / gola/ laringe / edema periorbitale), Orticaria
Molto raro Iperidrosi, Tumefazione del viso
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo Non comune Mialgia, Artralgia
Molto raro Contrazione e rigidità muscolare, Trisma
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Molto raro Dolore, Dolore in sede di iniezione, Affaticamento, astenia (debolezza), Sensazione di freddo di caldo o sentirsi strano
Non nota Brividi (tremori), Fastidio, Tumefazione in sede di iniezione, Malessere, Piressia
Traumatismo, avvelenamento e complicazioni da procedura Comune Dolore post- intervento, Contusione
c) Descrizione delle reazioni avverse selezionate 1 L'angioedema include l'edema di viso / lingua / labbra / gola / laringe / edema periorbitale.
L'edema laringo-faringeo può tipicamente manifestarsi con raucedine e/o disfagia; ² Il broncospasmo (broncocostrizione) può tipicamente manifestarsi con dispnea; ³ Tali patologie neurali si possono manifestare con vari sintomi di sensazioni anomale (ad es., parestesia, ipoestesia, disestesia, iperestesia, ecc.) a carico di labbra, lingua e tessuti orali.
4 L'ipossia e l'ipercapnia sono secondarie alla depressione respiratoria e/o alle convulsioni e a sforzo muscolare prolungato; 5 Tali effetti del sistema nervoso sono dovuti alla presenza di anestetico locale/vasocostrittore in concentrazioni eccessive regionalmente o nella circolazione sistemica; 6 Per lo più si manifesta in pazienti con malattia cardiaca pre-esistente o in pazienti che assumono determinati farmaci (paragrafo 4.5); 7 Questo è dovuto all'effetto locale eccessivo del vasocostrittore; 8 Dovuta al morsicamento o masticamento accidentale delle labbra o della lingua mentre persiste l'effetto dell'anestesia A causa della presenza di adrenalina, devono essere rafforzate le misure precauzionali e di monitoraggio nelle seguenti situazioni: pazienti stressati prima di una procedura dentale.
Qualsiasi conoscenza pregressa di queste condizioni di base in pazienti che richiedono l’anestesia dentale deve essere tenuta in considerazione e deve essere impiegata una dose minima di anestetico locale con vasocostrittore.
d) Popolazione pediatrica Il profilo di sicurezza osservato nei bambini e negli adolescenti da 4 a 18 anni è simile rispetto a quello degli adulti. Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale.
Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospetta-reazione-avversa.

Gravidanza e allattamento

Gravidanza Non sono previsti effetti durante la gravidanza, dal momento che l’esposizione sistemica alla lidocaina e all'adrenalina è trascurabile.
Questo medicinale può essere usato durante la gravidanza.
Allattamento La lidocaina e i suoi metaboliti vengono escreti nel latte materno; tuttavia, a dosi terapeutiche non sono previsti effetti sui neonati/lattanti allattati al seno.
Questo medicinale può essere usato durante l’allattamento.
Fertilità Negli studi preclinici non sono stati osservati effetti avversi sulla fertilità.

Conservazione

Conservare a temperatura inferiore a 25°C.
Non congelare.
Conservare la cartuccia nell'imballaggio esterno ben chiuso per proteggere il medicinale dalla luce.

Cerca farmaci per nome:

La fonte dei dati utilizzati e pubblicati è Banche Dati Farmadati Italia. Farmadati Italia garantisce il massimo impegno affinché la Banca dati e gli Aggiornamenti relativi a farmaci, parafarmaci, prodotti omeopatici e principi attivi siano precisi, puntuali e costantemente aggiornati. Questo materiale è fornito solo a scopo didattico e non è inteso per consulenza medica, diagnosi o trattamento e non deve in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o ad un consulto medico. Farmadati Italia e SilhouetteDonna.it non si assumono responsabilità sull’utilizzo dei dati. E’ doveroso contattare il proprio medico e/o uno specialista per la prescrizione e assunzione di farmaci. L’ultimo aggiornamento dei dati e la messa online del database da parte di Silhouette Donna è stato effettuato in data 22/04/2021.

Segnalazione degli effetti indesiderati
Se dovesse manifestarsi un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, è doveroso rivolgersi al proprio medico, ad uno specialista e/o al farmacista. La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Gli effetti indesiderati possono essere segnalati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.it/it/responsabili. Segnalando gli effetti indesiderati si può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.