GNAK EV 10SAC 1000ML 50MG/ML

64,91 €

Prezzo indicativo

Principio attivo: GLUCOSIO (DESTROSIO) ANIDRO/SODIO ACETATO/SODIO CLORURO/POTASSIO CLORURO/MAGNESIO CLORURO
  • ATC: B05BB02
  • Descrizione tipo ricetta: OSP - USO OSPEDALIERO
  • Presenza Glutine:
  • Presenza Lattosio:

Data ultimo aggiornamento: 03/02/2020

Integrazione di acqua, carboidrati ed elettroliti in pazienti il cui apporto normale sia insufficiente o in presenza di carenza.
1.000 ml di GNAK 50 mg/ml soluzione per infusione contengono: Glucosio (anidro): 50,00 g. Sodio cloruro: 1,00 g. Sodio acetato triidrato: 3,13 g. Potassio cloruro: 1,50 g. Magnesio cloruro esaidrato: 0,30 g. Contenuto di elettroliti per 1.000 ml:

Na+ 40 mmol
K+ 20 mmol
Mg2+ 1,5 mmol
CH3COO- 23 mmol
Cl- 40 mmol
Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

Controindicazioni

La soluzione è controindicata nei pazienti con: • Iperkaliemia.
• Insufficienza renale grave (con oliguria/anuria).
• Insufficienza cardiaca o polmonare non compensata.
• La soluzione è controindicata anche in caso di diabete non controllato, altre intolleranze al glucosio note, coma iperosmolare, iperglicemia, iperlattatemia.
• Ipersensibilità al(ai) principio(i) attivo(i) o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Posologia

Posologia. Il dosaggio, la velocità e la durata della somministrazione devono essere personalizzati e dipendono dalle indicazioni per l’uso, dall’età, dal peso, dalle condizioni cliniche e dalla terapia concomitante del paziente, nonché dalla sua risposta clinica e di laboratorio al trattamento.
L’equilibrio idrico, il glucosio ematico e gli elettroliti sierici devono essere monitorati prima e durante la somministrazione (vedere paragrafi 4.4, 4.5, 4.6 e 4.8).
Il dosaggio raccomandato per gli adulti è 2-3 litri di infusione di liquido al giorno.
GNAK 50 mg/ml soluzione per infusione: 1.000 ml somministrati per via endovenosa nell’arco di 4-12 ore (in base a un peso del paziente di 70 kg).
Velocità di infusione: 1,2-3,5 ml/kg/ora.
Capacità di tamponamento: per aumentare il pH di GNAK da 5 a 7, sono necessari circa 7 mmol di NaOH.
Per diminuire il pH di GNAK da 5 a 4, sono necessari circa 13 mmol di HCl.
Per evitare l’iperglicemia, la velocità di infusione non deve superare le capacità di ossidazione del glucosio del paziente.
Per informazione, la capacità massima di ossidazione del glucosio è 5 mg/kg/min per gli adulti.
Popolazione pediatrica: Attualmente, non esistono raccomandazioni riguardanti la posologia per l’uso nei bambini (vedere paragrafo 4.4: Uso nei pazienti pediatrici).
Modo di somministrazione: La soluzione deve essere somministrata per infusione endovenosa (vena periferica o centrale).
GNAK 50 mg/ml soluzione per infusione non deve essere somministrato per via sottocutanea. La pressurizzazione delle soluzioni endovenose contenute nei contenitori di plastica flessibile per aumentare le velocità di flusso può provocare un’embolia gassosa se l’aria residua nel contenitore non viene completamente eliminata prima della somministrazione.
L’uso di un set di somministrazione endovenosa dotato di sfiato può causare un’embolia gassosa quando lo sfiato è in posizione aperta.
I set di somministrazione endovenosa dotati di sfiato non devono essere usati con contenitori di plastica flessibile quando lo sfiato è in posizione aperta.
In considerazione della presenza di glucosio, questa soluzione NON deve essere somministrata attraverso la stessa apparecchiatura da infusione del sangue intero, perché potrebbero verificarsi emolisi e agglutinazione delle cellule ematiche.

Avvertenze e precauzioni

Equilibrio idrico/funzionalità renale Iponatremia.
Il trattamento con liquidi endovenosi contenenti una concentrazione di sodio inferiore al sodio sierico del paziente potrebbe causare iponatremia (vedere paragrafo 4.2).
Bambini, pazienti con ridotta compliance cerebrale, pazienti con rilascio non osmotico della vasopressina (ad es.
nella fase acuta della malattia, trauma, stress post-operatorio, malattie del sistema nervoso centrale) e pazienti trattati con agonisti della vasopressina e altri farmaci che possono ridurre il sodio sierico (vedere paragrafo 4.5) sono particolarmente a rischio di iponatremia acuta.
L’iponatremia acuta può causare edema cerebrale acuto e lesioni cerebrali pericolose per la vita.
Rischio di sovraccarico di liquidi e/o soluti e disturbi elettrolitici.
Durante l’uso della soluzione è necessario monitorare lo stato clinico del paziente e i suoi parametri di laboratorio (equilibrio idrico, elettroliti nel sangue e nelle urine, nonché equilibrio acido-base).
A seconda del volume e della velocità di infusione, la somministrazione endovenosa della soluzione GNAK 50 mg/ml può causare sovraccarico di liquidi e/o soluti che provocano iperidratazione/ipervolemia, pertanto l’infusione a volume elevato deve essere usata con un monitoraggio specifico nei pazienti con insufficienza cardiaca, polmonare o renale.
Uso nei pazienti con ipervolemia o iperidratazione oppure condizioni che causano ritenzione di sodio ed edema.
La soluzione GNAK 50 mg/ml deve essere somministrata con particolare cautela ai pazienti ipervolemici o iperidratati.
Le soluzioni contenenti sodio cloruro devono essere somministrate con attenzione ai pazienti con ipertensione, insufficienza cardiaca, edema periferico o polmonare, funzionalità renale compromessa, pre-eclampsia, aldosteronismo o altre condizioni associate alla ritenzione di sodio (vedere anche paragrafo 4.5).
Uso nei pazienti con danno renale grave. La soluzione GNAK 50 mg/ml deve essere somministrata con particolare cautela ai pazienti con compromissione renale grave.
In tali pazienti, la somministrazione della soluzione GNAK 50 mg/ml può causare ritenzione di sodio e/o potassio o magnesio.
Equilibrio elettrolitico. La concentrazione di magnesio della soluzione GNAK 50 mg/ml non è adeguata per il trattamento dell’ipomagnesemia sintomatica.
Uso nei pazienti con o a rischio di e da iperkaliemia.
Il livello di potassio nel plasma del paziente deve essere monitorato con particolare attenzione nei pazienti a rischio di iperkaliemia.
Le soluzioni contenenti sali di potassio devono essere somministrate con cautela ai pazienti con malattia cardiaca o condizioni che predispongano all’iperkaliemia, quali insufficienza renale o corticosurrenale, disidratazione acuta o estesa distruzione tissutale, come avviene nel caso di ustioni gravi.
Uso nei pazienti con ipocalcemia. La soluzione GNAK 50 mg/ml non contiene calcio e un aumento del pH plasmatico a seguito del suo effetto alcalinizzante potrebbe diminuire la concentrazione di calcio ionizzato (non legato alle proteine).
La soluzione GNAK 50 mg/ml deve essere somministrata con particolare cautela ai pazienti con ipocalcemia.
Uso nei pazienti con o a rischio di e da ipermagnesemia. Le soluzioni contenenti sali di magnesio devono essere usate con cautela nei pazienti con danno renale, con gravi disturbi della frequenza cardiaca e con miastenia grave.
I pazienti devono essere monitorati per individuare i segni clinici di eccesso di magnesio, in particolare durante il trattamento per l’eclampsia (vedere anche paragrafo 4.5 “Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione”).
Equilibrio acido-base.
Uso nei pazienti con o a rischio di alcalosi.
La soluzione GNAK 50 mg/ml deve essere somministrata con particolare cautela ai pazienti con alcalosi o a rischio di alcalosi.
Una somministrazione eccessiva di soluzione GNAK 50 mg/ml può causare alcalosi metabolica a causa della presenza di ioni di acetato.
Tuttavia, questa soluzione non è adatta a trattare l’acidosi metabolica o respiratoria grave.
Altre avvertenze. Reazioni da ipersensibilità. Con la soluzione GNAK 50 mg/ml sono state segnalate reazioni da ipersensibilità/infusione, comprese reazioni anafilattoidi.
L’infusione deve essere interrotta immediatamente in caso di segni o sintomi di sviluppo di una sospetta reazione da ipersensibilità.
Devono essere iniziate contromisure terapeutiche appropriate, come clinicamente indicato.
Le soluzioni contenenti glucosio devono essere utilizzate con cautela nei pazienti con allergia nota al mais o ai prodotti derivati, vedere paragrafo 4.8.
La somministrazione nel periodo post-operatorio dopo un blocco neuromuscolare deve essere usata con cautela perché i sali di magnesio possono determinare un effetto ricorrente.
Nei pazienti gravemente malnutriti o che hanno subito un lungo periodo di inedia, deve essere usata cautela all’inizio della somministrazione di glucosio.
La dose può essere aumentata gradualmente man mano che il metabolismo del glucosio migliora.
Durante il trattamento parenterale a lungo termine, al paziente deve essere garantito un apporto nutritivo adeguato.
Uso nei pazienti con o a rischio di iperglicemia. Le soluzioni contenenti glucosio devono essere utilizzate con cautela nei pazienti con alterata tolleranza al glucosio o diabete mellito.
Nei pazienti diabetici, si deve tenere conto della quantità di glucosio infuso e il fabbisogno di insulina può subire delle modifiche.
In caso di iperglicemia, regolare la velocità di infusione o somministrare insulina.
In considerazione della presenza di glucosio, questa soluzione è controindicata nelle prime 24 ore successive a un trauma cranico e durante gli episodi di ipertensione intracranica si deve monitorare attentamente la concentrazione di glucosio ematico.
L’iperglicemia è implicata nell’aumento del danno ischemico cerebrale e nella difficoltà di guarigione dopo gli ictus ischemici acuti.
Si raccomanda cautela nell’uso di soluzioni contenenti destrosio in questi pazienti.
Osmolarità.
GNAK 50 mg/ml soluzione per infusione è una soluzione ipertonica di elettroliti e glucosio (osmolarità: 402 mOsm/l [circa]).
La somministrazione di soluzioni ipertoniche può causare irritazione venosa, inclusa la flebite.
Le soluzioni iperosmolari devono essere somministrate con cautela ai pazienti con stati iperosmolari.
Uso nei pazienti pediatrici. La sicurezza e l’efficacia della soluzione GNAK 50 mg/ml nei bambini non sono state definite nel corso di studi adeguati e ben controllati.
La velocità e il volume di infusione dipendono da età, peso, condizioni cliniche e metaboliche del paziente e terapia concomitante, e devono essere determinati dallo specialista esperto nella terapia infusionale endovenosa in pediatria.
I neonati, soprattutto i prematuri e quelli con basso peso alla nascita, sono più a rischio di sviluppare ipo- o iperglicemia e quindi necessitano di un attento monitoraggio durante il trattamento con soluzioni di glucosio per via endovenosa, al fine di garantire un adeguato controllo glicemico per evitare effetti avversi a lungo termine.
Nel neonato, l’ipoglicemia può causare crisi convulsive prolungate, coma e danno cerebrale.
L’iperglicemia è stata associata a emorragia intraventricolare, infezione micotica e batterica a esordio tardivo, retinopatia da prematurità, enterocolite necrotizzante, displasia broncopolmonare, ospedalizzazione protratta e morte.
Le concentrazioni degli elettroliti plasmatici devono essere monitorate attentamente nella popolazione pediatrica, nella quale può essere compromessa la capacità di regolazione di liquidi ed elettroliti.
L’infusione di liquidi con una bassa concentrazione di sodio insieme alla secrezione non osmotica di ADH può causare iponatremia.
L’iponatremia può provocare cefalea, nausea, crisi convulsive, letargia, coma, edema cerebrale e morte.
Pertanto, l’encefalopatia iponatremica acuta sintomatica è considerata un’emergenza medica.
Uso negli anziani. Quando si sceglie il tipo di soluzione di infusione e il volume/la velocità di infusione per le persone anziane, considerare che le persone anziane hanno in genere una maggiore probabilità di soffrire di malattie cardiache, renali, epatiche e di altro tipo o di essere trattate con una terapia farmacologica concomitante.

Interazioni

Interazione con il sodio: • Corticoidi/steroidi e carbenoxolone possono causare ritenzione di sodio e idrica (con edema e ipertensione).
Interazione con il potassio: • Diuretici risparmiatori di potassio (amiloride, spironolattone, triamterene, in monoterapia o in associazione).
• Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACEi) e antagonisti del recettore dell’angiotensina II.
• Tacrolimus e ciclosporina aumentano la concentrazione di potassio nel plasma e l’associazione potrebbe causare iperkaliemia potenzialmente letale, in particolare in caso di insufficienza renale che contribuisce all’iperkaliemia.
Interazione con l’acetato: Si consiglia cautela quando si somministra la soluzione GNAK 50 mg/ml a pazienti trattati con farmaci per i quali l’eliminazione renale dipende dal pH.
A causa del suo effetto alcalinizzante (formazione di bicarbonato), la soluzione GNAK 50 mg/ml potrebbe interferire con l’eliminazione di tali farmaci.
• La clearance renale dei farmaci acidi, quali salicilati, barbiturici e litio, potrebbe essere aumentata a causa dell’alcalinizzazione dell’urina da parte dei bicarbonati derivanti dal metabolismo dell’acetato e del gluconato.
• La clearance renale dei farmaci alcalini, in particolare quali i simpaticomimetici (ad es.
efedrina, pseudoefedrina) e gli stimolanti (ad es.
chinidina, desamfetamina solfato, fenfluramina cloridrato) potrebbe essere ridotta.
Interazioni con il magnesio.
• I sali di magnesio possono potenziare l’effetto dei bloccanti neuromuscolari depolarizzanti quali suxametonio, vecuronio o tubocurarina.
Pertanto, l’associazione con queste sostanze è sconsigliata.
Interazione con farmaci che possono aumentare il rischio di iponatremia.
I farmaci che possono ridurre il sodio sierico possono aumentare il rischio di iponatremia acquisita a seguito del trattamento per via endovenosa con liquidi che hanno un equilibrio inadeguato rispetto al fabbisogno del paziente in termini di volume di liquidi e contenuto di sodio (vedere paragrafi 4.2, 4.4, 4.6 e 4.8).
Esempi sono diuretici, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), antipsicotici, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, oppioidi, antiepilettici, ossitocina e chemioterapia.

Effetti indesiderati

Nell’esperienza post-marketing con la soluzione GNAK 50 mg/ml sono state segnalate le seguente reazioni avverse, elencate in base alla classificazione per sistemi e organi secondo MedDRA (SOC, system organ classification) e quindi per termine preferito in ordine di gravità, dove possibile.
La frequenza delle reazioni avverse da farmaci elencate in questo paragrafo non è nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).
Classificazione per sistemi e organi (SOC) Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili)
Disturbi del sistema immunitario *Reazione da ipersensibilità/infusione, inclusa reazione anafilattoide
Disturbi del metabolismo e della nutrizione Iperkaliemia, iperglicemia Ipervolemia, iponatremia
Patologie del sistema nervoso Crisi convulsive, encefalopatia iponatremica
Patologie vascolari Tromboflebite Trombosi venosa
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Reazioni al punto di infusione (es.
Sensazione di bruciore piressia Dolore al punto di iniezione Reazione al punto di iniezione Flebite al punto di iniezione Irritazione al punto di iniezione Infezione al punto di iniezione Stravaso)
Disturbi del metabolismo e della nutrizione Alterazione elettrolitica
*Manifestazione potenziale nei pazienti con allergia al mais, vedere paragrafo 4.4.
Segnalazione delle reazioni avverse sospette. La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale.
Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione riportato http://www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospetta-reazione-avversa

Gravidanza e allattamento

GNAK 50 mg/ml soluzione per infusione somministrato nelle donne in gravidanza durante il travaglio, in particolare se somministrato in associazione con ossitocina, può aumentare il rischio di iponatremia (vedere paragrafi 4.4, 4.5 e 4.8).
L’infusione endovenosa materna intraparto di soluzioni contenenti glucosio può causare la produzione di insulina fetale, che è associata al rischio di iperglicemia e di acidosi metabolica fetale, nonché di ipoglicemia di rimbalzo nel neonato.
Prima di prescrivere la soluzione GNAK 50 mg/ml, il medico deve analizzare con attenzione i potenziali rischi e benefici per ciascun particolare paziente.

Conservazione

Non conservare a temperatura superiore a 25 C.

Cerca farmaci per nome:

La fonte dei dati utilizzati e pubblicati è Banche Dati Farmadati Italia. Farmadati Italia garantisce il massimo impegno affinché la Banca dati e gli Aggiornamenti relativi a farmaci, parafarmaci, prodotti omeopatici e principi attivi siano precisi, puntuali e costantemente aggiornati. Questo materiale è fornito solo a scopo didattico e non è inteso per consulenza medica, diagnosi o trattamento e non deve in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o ad un consulto medico. Farmadati Italia e SilhouetteDonna.it non si assumono responsabilità sull’utilizzo dei dati. E’ doveroso contattare il proprio medico e/o uno specialista per la prescrizione e assunzione di farmaci. L’ultimo aggiornamento dei dati e la messa online del database da parte di Silhouette Donna è stato effettuato in data 03/02/2023.

Segnalazione degli effetti indesiderati
Se dovesse manifestarsi un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, è doveroso rivolgersi al proprio medico, ad uno specialista e/o al farmacista. La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Gli effetti indesiderati possono essere segnalati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.it/it/responsabili. Segnalando gli effetti indesiderati si può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.