05/03/2019

Limoni per la ricerca

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 05/03/2019

Un progetto per finanziare la scienza: dal 3 al 16 marzo, per ogni retina di limoni acquistata, 40 centesimi saranno devoluti alla ricerca contro i tumori

ok-Confezione_FondazioneVeronesi

Il limone è la fonte più nota di vitamina C, tuttavia, come la maggior parte degli agrumi, contiene anche altri nutrienti essenziali: carboidrati (zuccheri e fibre), potassio, acido folico, calcio, tiamina, niacina, vitamina B6, fosforo, magnesio, rame, riboflavina, acido pantotenico e una varietà di composti fitochimici. La vitamina C svolge un ruolo chiave nella formazione del collagene, entra in gioco nell’assorbimento del ferro inorganico e, come antiossidante, può aiutare a evitare il danno cellulare da radicali liberi implicato nella progressione di diverse malattie tra cui il cancro, le malattie cardiovascolari e la cataratta.

Perché il limone fa bene

Nel limone, in particolare nella buccia, sono presenti anche fitochimici come monoterpeni, limonoidi, flavonoidi, carotenoidi e acidi idrossicinnamici. Questi composti hanno dimostrato in diversi studi scientifici capacità antiossidanti, effetti sulla differenziazione cellulare e potere detossificante che renderebbero i limoni, se regolarmente consumati, una componente importante di una dieta volta a ridurre il rischio di malattie.

I limoni di Citrus – l’Orto Italiano, azienda ortofrutticola di Cesena, sono stati scelti per la terza edizione di un’importante iniziativa a favore della ricerca scientifica contro i tumori: i Limoni per la Ricerca. Dal 3 al 16 marzo, le retine da 500 grammi di limoni (varietà primofiore) di Fondazione Umberto Veronesi saranno distribuite in tutta Italia da Citrus – l’Orto Italiano in più di 2.500 supermercati al costo di 2 euro. Di questi, 40 centesimi a retina saranno devoluti a Fondazione Umberto Veronesi per finanziare la ricerca.

L’idea nasce dalla volontà di diffondere l’uso del limone per le sue proprietà nutritive e preventive, come la molecola antitumorale contenuta nella buccia: il limonene. Con questa edizione de I Limoni per la Ricerca si mira a supportare il lavoro dei ricercatori che hanno deciso di dedicare la propria vita allo studio e alla cura delle patologie oncologiche.

Agli indirizzi fondazioneveronesi.it e citrusitalia.it è possibile trovare l’elenco aggiornato dei punti vendita aderenti all’iniziativa.