A Modena è di scena il benessere naturale

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 22/11/2018
A Modena il Festival della salute naturale per corpo, mente e spirito. Massaggi gratuiti, conferenze ad accesso libero, vendita di prodotti naturali e iniziative legate al Tibet e al buddismo
cuore-ok

Per due giorni Modena diventa la capitale del benessere naturale. Oltre 200 aziende specializzate in terapie olistiche e discipline bio-naturali si danno appuntamento sabato 24 e domenica 25 novembre a ModenaFiere con varie iniziative: massaggi, conferenze, laboratori, aree dedicate al Tibet e al buddhismo.

Le discipline olistiche o bio-naturali si occupano di preservare il benessere psicofisico prendendosi cura dell’essere umano a 360 gradi e sollecitando le risorse interiori di cui ciascuno è dotato.

Dall’alimentazione alla cosmesi

La quinta edizione di Modena Benessere Festival esplora questo mondo affascinante presentando prodotti e servizi di più di 200 aziende provenienti da tutta Italia: dall’alimentazione biologica e vegetariana alla cosmesi naturale, dalle discipline per il corpo a quelle per la mente, dall’abbigliamento in fibre vegetali agli accessori ecologici ed ecocompatibili per la casa e la cura della persona.

Appuntamenti a tema

Sono oltre 30 le conferenze gratuite che affrontano le varie declinazioni delle discipline olistiche: approfonditi, tra i vari argomenti, la riflessologia plantare e facciale, l’ayurveda, il feng-shui, la fitoterapia. Ampio spazio anche alle dimostrazioni pratiche con la possibilità di sperimentare personalmente le bio-discipline nelle free class condotte dagli insegnanti delle scuole, con oltre 500 massaggi e trattamenti gratuiti offerti non-stop nell’area relax, oltre 20 lezioni di yoga.

Alla scoperta della cultura tibetana

La novità 2018 è un’intera area dedicata alla cultura tibetana. Un ricco calendario di eventi, organizzato dall’Istituto Samantabhadra di Roma, per far conoscere a tutti questo mondo ancora in parte misterioso. Per due giorni i monaci saranno impegnati nella realizzazione di un grande mandala di sabbia, allo scopo di portare pace, armonia e stimolare consapevolezza e benessere interiore. Al termine, il rito della distruzione del mandala, che nella cultura buddista ricorda la natura transitoria della realtà e della vita umana.

La pittura con il tè

Altra chicca dell’evento modenese: un laboratorio non stop di “tea painting”, la pittura con il tè. È una tecnica al 100% naturale, adatta anche ai più piccini e alle persone allergiche ai colori tradizionali. Non è necessario saper disegnare, è sufficiente aver voglia di mettersi in gioco, di lasciarsi andare. La manifestazione è organizzata da Blu Nautilus e ModenaFiere, con il patrocinio di Comune e Provincia di Modena. Tutto il programma su www.modenabenessere.it.