X Factor 10: i primi sì, ai concorrenti e ai giudici

Redazione Pubblicato il 16/09/2016 Aggiornato il 16/09/2016

X Factor 10: si comincia con le Audizioni. Manuel Agnelli e Alvaro Soler ce la fanno e riescono a superare indenni la prima puntata. Buona anche la selezione dei concorrenti...

X Factor 10 -audizioni

Ok, ce l’abbiamo fatta. Ed è stata meno dura del previsto. La prima diretta di X Factor 2016, giunto alla sua decima edizione, è terminata senza intoppi. E sono stato sveglio fino alla fine, il che é un grande risultato, tenendo conto delle premesse promesse.

Prime audizioni

È andata in onda ieri sera su SkyUno la prima puntata di Audizioni, con una giuria rinnovata in parte, con tanto di già visto ma sotto nuove spoglie e con nuovi accenti.

Prova temporaneamente superata, con riserva, per Manuel Agnelli e Alvaro Soler: i due nuovi giudici non temono né palco né facili giudizi.

Manuel, la rivelazione

Applausi e risate per i commenti poco buonisti di Manuel, che si lancia in affermazioni del tipo: «Detesto il conformismo dell’anticonformismo» o «Peccato che non sei militare perché uno con il tuo coraggio dovrebbe difendere la nostra patria».

Alvaro, un Mika con l’accento spagnolo

Alvaro Solèr, invece, è Mika, ma con meno esperienza e con l’accento spagnolo anziché british. Il leader delle classifiche, quello dei tormentati tormentoni El Mismo Sol e Sofia, barcolla, linguisticamente parlando, ma non molla. Gioca la carta del latin lover ma risulta un po’ forzato. Buone le performance di Arisa, da cui ci aspettiamo molto ma molto di più, e di Fedez, ormai completamente a suo agio su quella poltrona.

I concorrenti che rivedremo con piacere

A conclusione della prima serata, passano il primo turno, tra gli altri, i Soul Sistem, che hanno cantato Empire State Of Mind by Jay Z feat. Alicia Keys, e Gaia, ribattezzata come “Ape Gaia”, con tanto di standing ovation per la sua House of the Rising Sun. Poi arriva Armando Pavone, che si autodefinisce “onironauta”, esploratore dei sogni, che si è cimentato con un suo brano inedito. Rivedremo nella fase successiva anche i boy scout Les Enfants, che hanno reinterpretato Che fantastica storia è la vita, e Andrea, ottimo chitarrista, che ha proposto addirittura Ben Harper. E poi, il sorriso  di Valentina (madre tailandese, papà italiano) che tanto è piaciuto ad Alvaro Soler. E gli artisti di strada Daiana Lou che hanno interpretato Chandelier di Sia.