25/11/2021

Libri imperdibili scritti da donne

Laura Frigerio
A cura di Laura Frigerio
Pubblicato il 25/11/2021 Aggiornato il 25/11/2021

In queste settimane abbiamo visto arrivare nelle librerie (fisiche e digitali) tanti romanzi al femminile. Si parla di emozioni, di relazioni familiari e anche di sesso

La donna senza nome

Il punto di vista femminile fa spesso la differenza, anche in letteratura. Quindi non stupisce di assistere nelle librerie (sia fisiche che digitali) a una piacevole invasione gentile di autrici che, in particolare in queste ultime settimane, hanno pubblicato libri sugli argomenti più disparati e scritti con uno stile molto personale.

Ci piace poi constatare che anche in Italia questa “onda rosa” si fa sempre più travolgente, tra nomi emergenti e altri già affermati.

Pronti a scoprire quali sono i titoli imperdibili e che, secondo noi, divorerete tutto d’un fiato?

Trame familiari

La famiglia è da sempre una delle fonti principali di ispirazione, nonché protagonista di infinite trame. Come quella che ci cattura tra le pagine de Il grembo paterno (Feltrinelli), il nuovo romanzo di Chiara Gamberale che affronta l’origine delle nostre domande sull’amore e interroga la strana responsabilità che comporta non solo l’amore dato, ma anche l’amore ricevuto. Al centro la figura di Adele, mamma della piccola Frida, che ha una relazione con Nicola (il pediatra della figlia) e si trova ad affrontare i ricordi del suo passato in un paese di provincia, quando veniva chiamata Senzaniente. Un soprannome che è pesato sulla sua famiglia perfino dopo che il padre, Rocco, ha sfidato la miseria e conquistato il benessere.

Invece nel suo debutto letterario Tutto il bene, tutto il male (Salani Editore), la giornalista Carola Carulli ci propone uno sguardo originale sulla maternità, sull’ambivalenza dei legami di sangue e sulla straordinaria capacità delle donne di ferirsi e di curarsi l’un l’altra.

Protagonista è Sveva che, infelice nella casa dei suoi genitori (cresciuta dalla madre Sarah che ha puntato tutto sulla bellezza e la conquista di un ruolo in società), decide di andare a vivere dalla zia Alma ovvero una donna ribelle che rappresenta per lei la mamma che avrebbe voluto.

C’è poi Simonetta Agnello Hornby che, dal 1955 alla strage di Capaci, tiene stretto il filo della saga famigliare cominciata con Caffè amaro e proseguita con Piano nobile per consegnarci, con il nuovo romanzo Punto pieno (Feltrinelli), un appassionante ricamo di omicidi, ossessioni, amori, violenze nella nuova Sicilia. 

Storie vere e piccanti

Voglia di storie vere? Con La donna senza nome (Feltrinelli), Vanessa Montfort ci racconta l’affascinante avventura di María Lejárraga, la moglie del celebre drammaturgo Gregorio Martínez Sierra, la donna senza nome che però ne ebbe molti. Il più grande mistero della letteratura spagnola.

Se cercate invece qualcosa di più piccante vi consigliamo vivamente di leggere Francesca Valeria Poli, che ha da poco pubblicato Les Chambres Noires (L’Erudita – Giulio Perrone Editore), in cui racconta una serie di storie che hanno come fil rouge il  piacere. Un’opera intrigante, che è frutto di incontri, chiacchierate e confessioni di vita e trasgressioni realmente vissute.