08/07/2021

Libri: 5 compagni di viaggio per questa estate

Veronica Colella Pubblicato il 08/07/2021 Aggiornato il 08/07/2021

Romanzi, memoir e sussidiari estivi con cui condividere le prime vere vacanze dell’anno

Le vite nascoste dei colori di Laura Imai Messina di

Ogni estate il dilemma del lettore si fa vivo proprio al momento di chiudere la valigia. A meno di non chiamarsi Mary Poppins o Hermione Granger, le leggi dello spazio non si piegheranno per fare posto a tutti i libri che vorremmo leggere ma non siamo sicure di voler leggere adesso.

E anche chi si è ormai convertita all’e-reader, pratico e leggero, sa bene che troppa scelta manda in crisi, finisce che si perde la pazienza e si torna a languire su Instagram.

Per aiutarvi a restringere la scelta a un numero ragionevole di opzioni, ecco qualche consiglio di lettura tra i libri freschi di stampa.

Dall’autrice di Cambiare l’acqua ai fiori

Se la vita fosse andata secondo i loro piani, Nina, Adrien ed Étienne sarebbero ancora una cosa sola. Avrebbero lasciato il paesino sperduto di La Comelle continuando a essere inseparabili – Nina al centro, con gli occhi scuri e il taglio corto alla Audrey Hepburn, la mano delicata di Adrien nella sua e nell’altra quella di Étienne, tanto bello quanto indolente. A Parigi sarebbero stati delle rockstar, avrebbero inciso un album e suonato ovunque, vivendo di libertà senza mai guardarsi indietro. E invece qualcosa è andato terribilmente storto, tanto che da adulti non si parlano più. A raccontare la loro storia è Virginie, giornalista chiamata a seguire il caso di una macchina ripescata dal fondo del lago e legata alla scomparsa di Clotilde Marais, ex-ragazza di Étienne. In quegli anni Virginie c’era e non c’era, ma non li ha mai dimenticati… è la trama di Tre, il nuovo romanzo di Valérie Perrin in uscita il 28/06 per Edizioni e/o. Un giallo che profuma di adolescenza e di rimpianto, tenero e spietato.

Filosofico e fiabesco

Agli occhi di Mio, ogni sfumatura si distingue per caratteristiche impercettibili. Il giallo non è mai solo chiaro o scuro, ma semmai “giallo della pesca matura un attimo prima che si stacchi dal ramo”, così come il suo indaco preferito è quello che sa di mirtillo ed anche un pochino di bagnato. Ha imparato i segreti dei pigmenti nell’atelier di kimono nunziali di famiglia, facendo dei colori un suo linguaggio privato in grado di svelare la vera essenza delle persone. L’unico che non riesce a leggere è Aoi, la cui anima sembra voler sfuggire a ogni suo criterio di classificazione. E non c’è niente che spaventi Mio come l’incertezza. Le vite nascoste dei colori (Einaudi) di Laura Imai Messina è una storia d’amore che finisce per raccontare anche il Giappone, con uno sguardo pieno di meraviglia e una contagiosa calma zen.

Voglia di thriller?

Su un’isola che è poco più di un fazzoletto di terra dalla folta vegetazione, i Daly e i Ford condividono una lussuosa casa vacanze per un soggiorno che avrebbe dovuto riavvicinare le amiche di infanzia Lisa e Poppy. Da bambine erano come sorelle, ma da grandi sembrano non avere quasi più niente in comune. Una è altoborghese e infelice, l’altra abituata a rimboccarsi le maniche e pervasa da un sottile rancore verso i ricchi. Nei quattro giorni passati sull’isola l’atmosfera si fa sempre più tesa, sia per gli adulti che per i ragazzi, sospesi in quell’età di mezzo in cui non si è adulti né bambini, avviandosi verso una fatale conclusione. La casa di Fripp Island di Rebecca Kauffman (Sur) è un thriller che fino all’ultimo non rivela né l’identità dell’assassino né quella della vittima, impossibile da mettere giù.

Arrendersi al caos

A Carla Vitantonio non manca lo spirito d’avventura. Quando ha deciso di ribellarsi a un destino di precarietà ha puntato dritta all’impenetrabile e misteriosa Corea del Nord, per provare al mondo e a sé stessa di essere in grado di fare qualsiasi cosa. E dopo anni di onorato servizio come cooperante, raccontati in Pyongyang Blues (diventato anche un podcast), è partita alla volta di Yangon, nel cuore dell’ex-Birmania, stavolta come direttrice regionale di una Ong che si occupa di disabilità. Myanmar Swing (add editore) è il resoconto di due anni passati in balia del karma e delle sue imprevedibili decisioni, ironico e dissacrante.

Quando il cruciverba non basta

Delle tante cose di cui avere nostalgia, nessuno avrebbe mai scommesso sui compiti delle vacanze. Eppure, gli esercizi proposti da Daniel López Valle e Cristóbal Fortúnez nel loro Quaderno di compiti delle vacanze per adulti 2 (Blackie Edizioni) sono stranamente irresistibili. Una raccolta di indovinelli, enigmi e quiz di cultura generale che diventa un ottimo antidoto all’abbiocco post-prandiale e alla noia da 3 del pomeriggio, terra di nessuno in cui è troppo presto per l’aperitivo e troppo tardi per scendere in spiaggia.