08/08/2019

Tiziano Ferro: il suo tour TZN 2020 è già sold out

Veronica Colella Pubblicato il Aggiornato il 08/08/2019

Fresco sposo (con doppia cerimonia a Los Angeles e a Sabaudia) , Tiziano Ferro concede solo anticipazioni sibilline sul nuovo album Accetto miracoli in uscita a novembre, e annuncia altre date dell'attesissimo tour dell'anno prossimo

Tiziano Ferro in concerto

Tiziano Ferro ha annunciato le nuove date per TZN 2020, il suo nuovo tour negli stadi che ad appena 24 ore dall’apertura delle prevendite aveva già totalizzato la cifra record di 75.000 biglietti venduti.

Prima del 30 maggio i fan avranno tutto il tempo di imparare a memoria anche il prossimo album, Accetto Miracoli (in uscita il 22 novembre), nonché di riprendersi dallo shock del matrimonio segreto.

Tutte le date

Manca quasi un anno, ma dall’entusiasmo con cui ne parla sembra che debba salire sul palco domani.
Il tour inizierà da Lignano Sabbiadoro il 30 maggio, per poi proseguire con lo Stadio di San Siro a Milano (5 e 6 giugno), lo Stadio Olimpico di Torino (11 giugno), lo Stadio Euganeo di Padova (14 giugno), lo Stadio Artemio Franchi di Firenze (17 giugno), lo Stadio del Conero ad Ancona (20 giugno), lo Stadio San Paolo di Napoli (24 giugno), lo Stadio San Filippo di Messina (27 giugno), lo Stadio San Nicola di Bari (3 luglio) lo Stadio Braglia di Modena (7 luglio), l’Arena Fiera di Cagliari (11 luglio) e lo Stadio Olimpico di Roma (15 luglio).

Celebrare il cambiamento

Dalle anticipazioni, per quanto sibilline, sappiamo che Accetto Miracoli rappresenterà un capitolo completamente nuovo nella vita del cantante. Dal trasferimento negli Stati Uniti, per ritrovare le sue radici musicali soul e hip-hop, alla sperimentazione di nuove sonorità anche grazie alla collaborazione con Timbaland: «Sarà un disco che marca l’inizio di una nuova epoca per me. Un album fresco, onesto, energico, figlio dell’esigenza di consegnarmi ad esperienze nuove». Il risultato sono dodici nuove canzoni svelate un giorno alla volta sugli account social ufficiali, ognuna corredata da un frammento della foto in copertina, da ascoltare a partire dal singolo Buona (Cattiva) Sorte. All’uscita la canzone era stata presentata come una riflessione sull’amore venata di umorismo nero, ma in retrospettiva ci piace pensare che fosse un modo per condividere un momento speciale senza rivelare troppo.

Due culture, due matrimoni

Tenere segreti i preparativi di un matrimonio nel 2019 è già un’impresa, figuriamoci quelli di due cerimonie in due diversi continenti.
Eppure, gli sposi sono riusciti a non far trapelare niente prima del dovuto: della prima cerimonia, quella celebrata il 25 giugno a Los Angeles, non è sfuggito neanche un accenno, nonostante i cento invitati. Per fortuna Tiziano Ferro e Victor Allen hanno deciso di festeggiare due volte, rinnovando i voti a Sabaudia il 13 luglio con quaranta invitati – compresa la famiglia del cantante – e un reportage di Vanity Fair che ha dato la possibilità ai fan di non sentirsi esclusi. La dualità è stata mantenuta in tutto: date diverse per le fedi (quella italiana per Victor, quella americana per Tiziano), colori dei rispettivi completi invertiti a seconda della cerimonia, due gli enti che hanno beneficiato della generosità degli ospiti, ovvero il rifugio per cani che Victor sostiene da anni e il reparto oncologico di Latina, destinatari dei doni di nozze.

Una proposta da film

Nella lunga intervista in cui ha raccontato tutti i retroscena del suo matrimonio, non poteva mancare il momento della proposta. Il giorno del suo compleanno si è anche un po’ risentito quando il compagno gli ha chiesto di preparare il caffè, ma solo prima di notare l’incisione sulle tazzine: “amore” e “vuoi sposarmi”. Neanche il tempo di finire di leggere e l’ha trovato in ginocchio, con un pacchettino di Tiffany in mano. Non possiamo dargli torto se prima di rispondere si è fatto venti minuti di pianto, in preda a “quella sfumatura di gioia assoluta” che si prova solo da bambini.