15/12/2020

Musica urban: le donne si prendono la scena

Laura Frigerio
A cura di Laura Frigerio
Pubblicato il 15/12/2020 Aggiornato il 15/12/2020

Tra paladine come Myss Keta e new entry come Nahaze, la scena urban italiana si colora di rosa. E inizia a piacere anche alle generazioni più adulte

Nahaze

L’urban è quel genere musicale che, a grandi linee, gravita tra l’R’n’B e l’hip hop. Nato negli Stati Uniti, negli ultimi anni ha preso piede anche in Italia in particolare tra i più giovani, grazie a un fiorire di artisti balzati ai vertici delle classifiche.

Una scena che per lungo tempo è stata dominata dagli uomini, ma che nell’ultimo periodo sta cambiando arricchendosi di tante sfumature di rosa.

E da queste parti il girl power si fa sentire parecchio! Sarà anche per questo che, pian piano, l’urban sta iniziando ad affascinare anche le generazioni più adulte? Vi sveliamo alcune delle protagoniste di questa rivoluzione, tra nomi già noti e new entry.

Tra veterane e paladine

Una delle prime donne a portare il rap in Italia è stata indubbiamente La Pina, con e senza gli Otierre. Poi le si sono aperte le porte della radio (in particolare di Radio Deejay) e da quel momento ha cominciato a tenerci compagnia tutti i giorni. C’è stata poi Baby K (che in molti si ricorderanno, agli esordi, in versione brunette), diventata con il tempo una delle nuove star del pop nostrano. Rimane invece una vera paladina del mondo urban Myss Keta, che nel giro di qualche anno è diventata la regina indiscussa della scena. Personaggio misterioso (nessuno conosce la sua reale identità) e dal look iconico (il suo mix occhiali da sole e mascherina ha fatto il giro del mondo), non fa però nulla per tenere nascosta la sua anima artistica che la porta a sperimentare e a osare, come si può ascoltare anche nel suo ultimo Ep Il cielo non è un limite.

La nuova generazione

Come vi dicevamo, da qualche tempo a questa parte sono sempre di più le ragazze che si stanno facendo strada nel mondo urban. La capofila è indubbiamente Chadia Rodriguez, che ha mostrato al mondo che anche la trap può essere femmina ed essere senza filtri. Il suo singolo più recente, Bella così (con il featuring di Federica Carta), ha lanciato un bel messaggio contro il body shaming e la violenza (fisica e psicologica) sulle donne.

Chadia ha personalità da vendere, proprio come Beba, affascinante ma dalle rime taglienti. Ormai sono in tanti ad essersi accorti di lei, tanto che è stata l’unica italiana tra i venti artisti selezionati da VEVO per DSCVR Artists To Watch 2020. Il suo ultimo singolo si intitola Airbnb e vi consigliamo di ascoltarlo.

Da non dimenticare Madame, amatissima dalla critica e da vip come Cristiano Ronaldo. Conosciuta dal grande pubblico grazie al singolo Sciccherie, ora si trova anche nel nuovo album dei Negramaro come featuring.

C’è poi Nahaze, che negli ultimi mesi ha pubbllicato una raffica di singoli, ma si è fatta notare proprio da tutti con Freak e Control, entrati nella colonna sonora della terza stagione di Baby, famosa serie tv Netflix.

Non possiamo assolutamente dimenticare Anna, che ha solo 17 anni ma è già al top. È infatti l’artista più giovane ad aver raggiunto la prima posizione della Top Singoli della FIMI, grazie al suo singolo di debutto Bando. E ora è tempo di Fast, già nelle playlist Apple e Spotify in Germania, Francia, Svizzera, Grecia, Danimarca.

Inoltre vi consigliamo di tenere occhi e orecchie puntate su Jakido, giovanissima rapper che sta mostrando un certo talento compositivo e anche come performer. Non è un caso che sia tra i vincitori del contest Urban Fighters 2020, che le permetteranno di partecipare all’omonima compilation con un brano inedito. In attesa di ascoltarlo, vi segnaliamo il suo ultimo singolo Bla Bla Bla.