04/04/2019

Libri per viaggiare con la testa

Veronica Colella Pubblicato il Aggiornato il 04/04/2019

Tante guide per esplorare luoghi insoliti e inaspettati con i racconti e i suggerimenti di chi ci è stato. Per affrontare il viaggio preparati, o anche solo attraversarli con la fantasia

libri viaggio

La cosa bella di un libro è che contiene mondi interi, che possiamo esplorare anche senza muoverci dal divano. Come la Matilda di Roald Dahl, che “viaggiava su antichi velieri con Joseph Conrad, andava in Africa con Ernest Hemingway e in India con Kipling”, tutto dalla sua piccola stanza in un villaggio inglese. Ecco qualche idea per mettervi in viaggio con la testa, in attesa di poter finalmente fare la valigia durante la pausa estiva o anche solo per il gusto di curiosare in posti lontani.

Sulle orme di chi ci è già stato

Stanchi delle solite guide? Con la collana The Passenger Iperborea sta pubblicando raccolte su misura per “esploratori del mondo”, che contengono riflessioni, reportage e fotografie dedicate ogni volta a un Paese diverso: a marzo è uscito Portogallo, ultima tappa di un viaggio iniziato dall’Islanda e proseguito in Olanda e Giappone.

Tante voci si intrecciano per raccontare un luogo da più punti di vista, nella formula per noi tutta nuova del libro-magazine.

Tante voci si intrecciano per raccontare un luogo da più punti di vista, nella formula per noi tutta nuova del libro-magazine. Le prossime mete saranno Grecia e Norvegia, che saranno   che potrete trovare in libreria rispettivamente a maggio e giugno.

I più temerari ameranno L’Atlante dei luoghi inaspettati di Travis Elborough (Mondadori Electa – Rizzoli Illustrati), una panoramica sulle sorprese ancora in grado di stupire i viaggiatori più consumati. Elborugh, ripetendo l’esperimento iniziato con L’Atlante dei luoghi insoliti e curiosi, vi porterà lontano dalle tradizionali mete turistiche alla ricerca della bellezza e dell’eccentricità, dalle case sugli alberi dei Korowai di Papua alle città-fantasma sulle rive del Mar Caspio, passando per le meravigliose montagne colorate di Zhangye Danxia, in Cina. Una guida imprescindibile per i cacciatori di perle nascoste, corredata di mappe, fotografie e illustrazioni di Martin Brown.

A volte viaggiare diventa un modo per ritrovare se stessi. È quello che ha fatto Francesco Gusmeri, che in Prendo la bici e vado in Australia (Ediciclo), tornato a febbraio in libreria, racconta la sua avventura alla ricerca della felicità da Brescia a Melbourne. Una pedalata di 29.450 km attraverso tre continenti, piena di imprevisti, “per andare non si sa dove, per fare non si sa cosa, per tentare comunque di essere me stesso”.

Per chi si vuole coccolare

Non tutti i viaggi devono essere avventure spericolate: a volte tutto quello che si chiede al mondo è un’oasi di pace dove ricaricare le energie senza stress.

La guida di Steve Wilde e Michelle Mackintosh agli Onsen – Sorgenti e località termali del Giappone (L’ippocampo) è una bella tentazione per farsi invogliare a esplorare una meta gettonata con uno spirito diverso. Gli autori hanno raccolto 140 località termali sparse sull’Arcipelago, dai rifugi tra i boschi alle spa di lusso, insegnando ai lettori come avvicinarsi a questo momento rituale di condivisione che in Giappone è sottoposto a regole di comportamento complesse.

Gli amanti del buon vino e della buona tavola invece troveranno dall’11 aprile una singolare “guida romanzata” scritta da Giuseppe Sebastiano Castelluzzo, medico chirurgo e grande appassionato di percorsi enogastronomici: In maglia rosa. Viaggio romanzato per una riscoperta dei vini rosati (Musicaos) vi porterà in bicicletta attraverso i vigneti del Salento, tra racconti ed esperienze sensoriali.