14/06/2019

Yoga, la posizione del Gabbiano per sollevare il seno e migliorare la postura

Emanuela Bruno
A cura di Emanuela Bruno
Pubblicato il Aggiornato il 14/06/2019

Per compensare le posture scorrette, con la schiena incurvata e le spalle chiuse, occorre rinforzare i muscoli dorsali: uno degli asana più utili è Paksinasana, la flessione del busto in avanti

yoga gabbiano

Una postura ben eretta, con le spalle aperte, regala un portamento fiero, elegante, e ha il pregio di valorizzare anche il décolleté, che sembra più alto. Insomma, l’intera figura risulta più armoniosa.

Purtroppo, invece, siamo quasi tutte abituate a stare sedute un po’ insaccate, con il dorso incurvato e la testa sempre china sul pc o sullo smartphone, e la muscolatura delle spalle e del dorso, da cui dipende il giusto sostegno per la parte superiore del busto, si indebolisce.

Per rinforzarla c’è un asana facile e accessibile a tutte: la posizione del Gabbiano, in sanscrito Paksinasana. Conduce alla calma e alla serenità e che non richiede alcuna preparazione fisica propedeutica.

Come si esegue

L’insegnante di yoga Sonia Pippinato, nel volume Yoga secondo natura. L’armonia e i benefici della pratica (edizioni Red), spiega come eseguirla. In piedi, con le gambe unite e tese. Concentrare l’attenzione sugli arti inferiori, che devono essere ben radicati al suolo, e sull’appoggio. Portate lo sguardo a fissare un punto davanti a voi e flettete il busto in avanti a 90 gradi, allungando la colonna vertebrale e il collo, che devono trovarsi ben allineati. Le spalle sono lontane dalle orecchie (attivate i muscoli infrascapolari) e rimangono ben aperte, ad un’altezza leggermente superiore rispetto alla linea delle anche. Distendete le braccia, portando anch’esse in allineamento con il busto, con i palmi delle mani rivolti in basso, e rimanete in posizione respirando in modo completo. Il peso del corpo è leggermente spostato verso le punte dei piedi.

Per ritrovare equilibrio e armonia

Paksinasana riequilibra il gioco di tensioni nella muscolatura della schiena, rinforzando i paravertebrali, i dorsali, i muscoli delle spalle e delle braccia. Anche gli addominali e i muscoli delle gambe sono coinvolti e rinforzati.

L'esperta consiglia

 Per ottenere il massimo beneficio da questa posizione, eseguitela nei giorni di luna piena e di luna calante. La pratica yoga è fortemente influenzata dal ritmo delle stagioni e dalle fasi lunari e la seconda metà del mese lunare è quella più propizia agli asana con torsioni, flessioni e situazioni di equilibrio.