30/06/2016

Tai chi: prova l’antica ginnastica cinese, tonificante e antistress

Emanuela Bruno
A cura di Emanuela Bruno
Pubblicato il Aggiornato il 30/06/2016

Un’antica ginnastica dolce cinese, fatta di movimenti lenti, ampi e fluidi, vi regala muscoli tonici ed elastici, mobilizza le articolazioni, accresce l’equilibrio e riduce ansia e stress

CENTRO-TAO-LIMONE-SUL-GARDA

Chi la pratica giura che è un toccasana per il corpo e per lo spirito. E non ha controindicazioni, perché prevede movimenti lenti, semplici e alla portata di tutti. Questo elisir di buona salute si chiama Tai chi ed è un’antichissima ginnastica dolce cinese. In origine era un’arte marziale, ma non basata sulla violenza dei colpi né sulla forza fisica: i suoi punti di forza erano la concentrazione, l’energia interiore, la fluidità dei gesti e la capacità di intuire le mosse dell’avversario.

In un combattimento fra una gazza e un serpente, la sinuosità dei movimenti permette al rettile di difendersi dagli attacchi diretti della gazza: ecco perché il motto del Tai chi è “la morbidezza vince la durezza”

Rallenta, respira, fai fluire l’energia

Il maestro Francesco Curci riassume in 3 punti le caratteristiche di questa disciplina, che nel corso dei secoli ha perso la valenza marziale e si è trasformata in ginnastica di benessere.

  1. Il Tai chi consiste nell’esecuzione di sequenze di movimenti molto lenti e armoniosi, dette Forme, prestando la massima attenzione a tutti i cambiamenti, anche i più piccoli, che si verificano nel corpo durante l’esercizio. Mettendo in gioco tutto il corpo, il tono e l’elasticità muscolare aumentano, le articolazioni si sciolgono, l’autoascolto vi aiuta a conoscervi meglio e la concentrazione contrasta lo stress.
  2. Tutti i movimenti sono accompagnati da una profonda respirazione diaframmatica (dovete gonfiare e sgonfiare l’addome), che ha una benefica azione terapeutica perché interferisce con il battito cardiaco, rallentandolo, e favorisce benessere e relax.
  3. Secondo i principi della medicina tradizionale cinese, l’esecuzione delle Forme stimola i canali in cui scorre l’energia corporea (detti meridiani), riequilibrando il flusso energetico e irrorando meglio tutti gli organi e i tessuti. In pratica: promuovendo la buona salute.

Come incominciare

Per avvicinarvi al Tai chi potete rivolgervi a una delle numerose scuole presenti in tutta Italia. Ci sono lezioni collettive ma anche individuali, perché i maestri propongono spesso percorsi personalizzati, in funzione dei bisogni soggettivi. Una volta apprese le tecniche e gli esercizi, ripeterli quotidianamente ne accresce i benefici. Sono molte anche le opportunità di accedere via web a corsi online e acquistare video con programmi dalle finalità più disparate.