Training total body con il primitive cross bridge

Emanuela Bruno
A cura di
Pubblicato il Aggiornato il 10/10/2018
Tonificare e modellare tutta la muscolatura è un obiettivo a portata di mano con questo esercizio che si ispira ai gesti spontanei e fluidi dei bambini
SIDEA

Nella vostra esperienza di fitness e di corsi in palestra avete sicuramente incontrato molte volte il “bridge”, il “ponte”, un esercizio che viene eseguito in modi, con posizioni e con successioni di gesti differenti. C’è nel Pilates, c’è nello yoga e c’è anche nel Primitive functional movement, una metodologia di allenamento ancora poco conosciuta ma molto efficace per le donne e ottima come approccio all’allenamento funzionale.

Il suo obiettivo è ritrovare i gesti fluidi, agevoli ed efficaci dei bambini, presupposto indispensabile per facilitare tutte le nostre attività quotidiane, ma anche per affrontare qualsiasi allenamento sportivo.

Con naturalezza

Come spiega la nostra personal trainer Evgenia Babrovskaia, senior coach della WTA Functional Training Academy (www.wta-functionaltraining.com), il Primitive  si basa su un totale rispetto del corpo umano e il lavoro al suolo, che lo caratterizza, costituisce un appoggio e un “aiuto” in tutti i gesti multiplanari e multidirezionali. Risultato? Consente di ripristinare a poco a poco la facilità e la naturalezza di ogni movimento.

Un esercizio total body

Il ponte del Primitive functional movement, nella sua versione “cross”, cioè incrociata, è un allenamento total body efficacissimo, perché senza alcun sovraccarico, ma sfruttando solo il peso corporeo, mette in gioco tutta la muscolatura in modo sinergico, mobilizza le articolazioni, sviluppa equilibrio, scioltezza e coordinazione.

Come si esegue

In posizione accosciata, appoggiate a terra una mano dietro di voi, in linea con il tallone corrispondente. Stabilizzate la spalla, attivando il dorsale, in modo che non si avvicini all’orecchio. Poi contraete addome e glutei, che hanno lo scopo di mantenere la postura corretta ed evitare di sbilanciarvi, e spingete il bacino verso l’alto, arrivando a raggiungere la posizione di ponte su tre punti d’appoggio. Il braccio libero si proietta di lato passando appena sotto al petto. Tornate in accosciata ed eseguite dall’altra parte. Effettuate 10 + 10 ripetizioni.

Durante ogni fase dell’esecuzione delle sequenze è importantissima la concentrazione e un costante ascolto del corpo.