Giacche tecniche, come sceglierle

Emanuela Bruno
A cura di
Pubblicato il Aggiornato il 12/06/2018
Escursioni in montagna, trekking, sport outdoor in alta quota: avere un indumento impermeabile e protettivo è un must. Ecco i consigli per l’acquisto giusto
The North Face

L’hiking, il trekking di più giorni in montagna, le gite di poche ore e le ascensioni più impegnative, magari su roccia e lungo vie ferrate, hanno in comune un capo che non può mancare nel vostro zaino: il “guscio” esterno. O, se preferite, chiamatelo “giacca tecnica”. E’ l’indumento più esterno fra quelli che dovete indossare in tutti gli sport outdoor in quota (ma in realtà anche ad altitudini non particolarmente considerevoli) e le sue peculiarità sono impermeabilità e traspirabilità, resistenza e minimo ingombro, praticità d’uso e comfort.

Pensare che gli alpinisti dell’Ottocento e della prima metà del Novecento arrampicavano con giacche in feltro e cappello a tesa è il modo migliore per comprendere i miracoli compiuti dalle tecnologie nei materiali e nella costruzione dei capi

Dovete scegliere il capo giusto secondo la vostra attività sportiva preferita (fatevi consigliare da un esperto), ma in linea di massima tenete presenti alcune regole. I gusci esterni si dividono in due gruppi. Softshell, più morbidi, e hardshell, più “rigidi” (anche se sottili): hanno spalmature o membrane diverse a garantire le loro performance.

  1. Le giacche esterne devono proteggere dal vento e difendere dalla pioggia. I tessuti usati sono numerosissimi e sono studiati per questo, in più i dettagli tecnici (termosaldature, cuciture nastrate, chiusure rapide e sicure, cappucci a scomparsa) aggiungono valore aggiunto all’indumento.
  2. La traspirabilità è il secondo aspetto fondamentale. Ogni azienda ha i suoi brevetti per allontanare il sudore dal corpo e punta anche su particolari costruttivi come le zip nelle zone dove la dispersione dell’umidità corporea deve essere potenziata o come le aperture strategiche.
  3. Se vi spingete su roccia e ghiaccio, fate attenzione anche alla robustezza dei materiali, per evitare abrasioni e rotture accidentali.
  4. Le amanti del trekking e dei viaggi nella natura con lo zaino in spalla devono puntare sulla leggerezza, per poter ripiegare la giacca e tenerla in pochissimo spazio.
  5. In tutti i casi, il guscio deve essere comodo, calzare bene e consentire libertà di movimento. Inoltre le zip e tutte le chiusure vanno controllate prima dell’acquisto: devono essere veloci, funzionali e pratiche da usare.

Ecco una selezione di “gusci” per le vostre gite estive