Pranayama: la respirazione yoga antistress

Emanuela Bruno
A cura di Emanuela Bruno
Pubblicato il Aggiornato il 21/07/2015

Tre facili esercizi di respirazione yoga per eliminare le tensioni, calmare il batticuore, migliorare la concentrazione, sconfiggere ansia e stress

apertura

Quasi tutti pensiamo allo yoga come a una forma di ginnastica. E la branca più nota è proprio l’hatha yoga, quella in cui la componente del movimento è preponderante. Ma nella millenaria disciplina hanno largo spazio anche le tecniche di pranayama, che è il controllo del respiro.
Gli esercizi yoga di respirazione hanno uno straordinario potere di eliminare le tensioni e aiutano a raggiungere calma, concentrazione e benessere. Insomma, sono un ottimo antidoto contro lo stress.

Perché funziona

La spiegazione medico-scientifica è che i movimenti completi del diaframma (il muscolo che separa la cavità toracica da quella addominale), stimolando i nervi del sistema nervoso autonomo, riequilibrano il battito cardiaco e rallentano il polso, placando l’ansia. Per questo respirare, anche solo stando sedute o sdraiate, chiudendo gli occhi e concentrandosi sull’aria che entra ed esce dalle narici, in modo naturale e non forzato, è un primo passo per ritrovare calma e armonia.

Gli esercizi di pronto soccorso

In caso di necessità, come “pronto soccorso”, ma anche a scopo preventivo, ci sono alcuni esercizi che potete fare per trovare il relax (unica condizione: essere in buona salute generale). Ce li suggerisce Lisetta Landoni, insegnante e fondatrice dell’Accademia di Kriya Yoga (www.kryiayogaccademia.it). Il numero di ripetizioni è indicativo, eseguirne di più garantirà maggiori benefici.

  1. Sedute sui talloni, mani chiuse a pugno e appoggiate sull’inguine, con le nocche rivolte verso l’addome. Inspirate lungamente con il naso e flettete il busto sulle cosce, chiudendovi completamente ed espirando rumorosamente con la bocca con un profondo “scchhh”. Dovete spingere fuori tutta l’aria dai polmoni, con ripetute contrazioni dei muscoli addominali, in modo che avvenga una specie di “ritmica spremitura” e il torace si svuoti completamente. Poi inspirate e risalite alla posizione di partenza. Fate 6 ripetizioni.
  2. Supine, completamente rilassate, con le mani delicatamente appoggiate sul petto. Aprendo le braccia a croce inspirate profondamente e lentamente, poi espirate e riportate le mani sul petto. Rimanete qualche secondo con i polmoni completamente svuotati e ricominciate. Fate 3-4 ripetizioni.
  3. Supine, gambe unite e flesse sul petto, mani sulle ginocchia, schiena rilassata. Inspirando allontanate le ginocchia dal petto e apritele verso l’esterno, mantenendo i piedi a contatto. Espirando richiudete le ginocchia e riavvicinate le gambe al petto. Fate 3-4 ripetizioni.

Curiosità

Se durante gli esercizi sbadigliate, meglio: lo sbadiglio è un movimento respiratorio più profondo, quindi ha un’azione di “scarico” ed è un antistress molto potente.