04/07/2019

Tintarella, conquistala a tavola

Alberta Mascherpa Pubblicato il Aggiornato il 04/07/2019

Ci vogliono i cibi giusti per un’abbronzatura super e una pelle protetta e morbida

cibi tintarella

Una tintarella intensa, uniforme e luminosa è frutto di impegno. Ci vuole pazienza nell’esporsi con gradualità, i solari giusti per proteggere il viso e il corpo evitando scottature e danni profondi, ma servono anche attenzioni speciali a tavola con cibi amici della pelle e dell’abbronzatura.

Punta sull’arancio

Lo sanno tutti che le carote sono il cibo con il più alto contenuto di betacarotene, circa 1200 microgrammi per 100 grammi, che a differenza di quanto si è sempre pensato non stimola la melanina ma si deposita nella parte più profonda della pelle riscaldando il colorito. Attenzione però che l’organismo assimila questa preziosa sostanza solo in abbinamento con i grassi: crude o cotte le carote vanno quindi gustate con un filo d’olio extravergine di oliva che per altro dà compattezza alla pelle e ne rafforza le difese con la vitamina E. Betacarotene in buona dose anche per le albicocche, ottime come spuntino anche perché ricche di acqua che mantiene turgida la cute.

Vai con il rosso

Tanta acqua ma anche minerali, carotenoidi, licopene e vitamina C fanno dall’anguria un frutto prezioso che disseta la pelle, anche quando il sole ne prosciuga le riserve idriche, la rende più forte e la protegge dall’aggressione dei radicali liberi. Rosso è anche il radicchio, al secondo posto per quantitivo di betacarotene, presente in questa croccante insalata amara insieme a licopene e vitamina C antiossidanti. Elevato il quantitativo di licopene presente nel pomodoro, un valido sostegno per la pelle sotto al sole: all’insalata mista buona idea aggiungere anche qualche mandorla che arginano gli effetti dei radicali liberi con la loro alta percentuale di magnesio.

Senza dimenticare il verde

A sorpresa il betacarotene è presente, e in buona dose, anche nella lattuga che è ricca anche di acqua e utile quindi per mantenere l’idratazione e favorire la tintarella. Un pieno di acqua, sali minerali e precursori della vitamina si può fare anche con il sedano, perfetto nel pinzimonio ma anche per le centrifughe insieme ad altre verdure come gli spinaci novelli e i cetrioli per un’azione detox che aiuta a rendere la pelle pura e la tintarella più luminosa.

Il salmone è il secondo ideale dell’estate: con la sua ricchezza in acidi grassi essenziali è in grado di preservare integra la barriera idrolipidica della cute mantenendola idratata, elastica e compatta.