09/02/2021

Magnesio per combattere la stanchezza: la top list dei cibi più ricchi

Simona Lovati
A cura di Simona Lovati
Pubblicato il 09/02/2021 Aggiornato il 09/02/2021

Verdure a foglia verde, legumi, frutta secca, banane sono ottime fonti di questo minerale che aiuta a combattere stress, spossatezza, indolenzimenti muscolari

spinaci - magnesio

Stanchezza, irritabilità, dolori e crampi muscolari, specie alle gambe. Sono tutti segnali di una carenza di magnesio, un minerale che coadiuva molte reazioni enzimatiche a livello delle cellule del nostro corpo, che viene assorbito tramite l’alimentazione dall’intestino tenue ed eliminato attraverso il sistema urinario. «In primo luogo, il magnesio partecipa alla formazione della matrice ossea, interviene nella sintesi dell’ATP (adenosina trifosfato), una molecola fondamentale per il trasporto dell’energia chimica nell’organismo, partecipa alla sintesi di DNA e RNA, indispensabili per la vitalità delle cellule e la produzione delle proteine, supporta la trasmissione degli impulsi nervosi utili alla contrazione muscolare», spiega il professor Luca Piretta, gastroenterologo, nutrizionista e docente dell’Università Campus Biomedico di Roma.

A tavola

Il magnesio deve essere assunto con l’alimentazione.

Tra i cibi che ne vantano una maggiore disponibilità troviamo le verdure a foglia verde e larga (bieta, spinaci, lattuga, cicoria) perché questo minerale è presente nella clorofilla, i legumi, per esempio piselli, fagioli, lenticchie, soia, la frutta secca come noci e mandorle, banane e fichi.

L’aiuto in più

Se la perdita è eccessiva, per esempio quando la sudorazione è importante – specialmente per gli sportivi e in condizioni di alta temperatura – è possibile ricorrere ad integratori alimentari che possono essere acquistati in farmacia o anche al supermercato senza prescrizione medica, a patto di seguire attentamente le indicazioni di utilizzo (se assunto in dosi eccessive può essere lassativo). In questo caso il magnesio è associato ad altri oligoelementi come il potassio, che ne potenzia l’efficacia.