Albume: proteine pure quasi a zero calorie

Redazione Pubblicato il 20/06/2015 Aggiornato il 25/06/2015

Fornisce solo acqua e proteine pure, molto utili per la salute di pelle e capelli. Per questo è un alimento davvero light, molto apprezzato nelle diete dimagranti

apertura

Siamo abituate ad associarli a culturisti e palestrati. Oggi invece gli albumi d’uovo sono entrati nella dieta quotidiana di molte persone, desiderose di aumentare l’apporto di proteine senza sacrificare linea e salute.

La particolarità di questo alimento è di essere una fonte proteica pura, perché costituita per il 10% da proteine e per il restante 90% da acqua, con un apporto energetico minimo: un albume (35 g) fornisce solo 18 calorie.

Niente colesterolo

Perché non consumare l’uovo intero? Perché la parte centrale, il tuorlo, benché più ricco di proteine rispetto alla parte bianca (il contenuto è pari al 16% del suo peso), presenta anche una quota consiste di grassi (29%) e colesterolo (5%) sostanza potenzialmente dannosa per la salute di cuore e arterie. Basti pensare che un uovo contiene quasi la quantità giornaliera massima consigliata di colesterolo, cioè 300 mg.

Ottimo per pelle e capelli

Nell’albume sono presenti circa 40 tipi di albumine, tra cui l’ovoalbumina (è la più rappresentata), l’ovotransferrina e il lisozima, tutte ricche di proprietà: rafforzano i muscoli, svolgono un’azione antinfiammatoria, hanno proprietà ristrutturanti per pelle e capelli. Molte di queste però sono difficilmente digeribili allo stato naturale, per questo l’albume andrebbe consumato preferibilmente cotto. Così si inattivano alcune componenti, come l’avidina, che limita l’assorbimento della vitamina H.

Anche tutti i giorni

Per evitare un eccesso di grassi e calorie, le uova intere non andrebbero consumate più di 3 volte a settimana. L’albume invece si può consumare anche tutti i giorni, separandolo dal suo “cuore rosso” oppure acquistandolo (si trova in brik nei più forniti supermercati). La seconda soluzione è più pratica perché, essendo in forma liquida, è facilmente dosabile e si presta meglio dell’albume fresco alle preparazioni culinarie. Inoltre la pastorizzazione lo rende un alimento sicuro anche se consumato crudo, perché elimina tutti i batteri, salmonella compresa.

Come consumarlo

Per cominciare, quando nelle preparazioni sono previste 2 uova intere si può sostituire il secondo uovo con 2 albumi (dimezzando così i tuorli). La preparazione più apprezzata con i soli albumi è la frittata: se si desidera un piatto leggero e ipocalorico, 2/3 albumi sbattuti vanno cotti nella padella antiaderente ben calda, senza aggiungere condimenti. Il piatto si può arricchire con verdure grigliate. Preferite i sapori dolci? Provate ad aggiungere alla stessa quantità di albumi, prima della cottura, 2 cucchiai di farina di mandorle e otterrete golosi pancake. L’albume montato a neve è poi l’ingrediente principale di biscotti friabili e leggeri come le meringhe.