07/03/2019

5 cose che (forse) non sai sul Parmigiano Reggiano

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 07/03/2019

Lo metti in tavola tutti i giorni, grattugiato, a scaglie, petali a cubetti, cucinato o al naturale. Ma sei sicura di conoscerlo davvero? Ecco qualche curiosità su Parmigiano Reggiano

parmigiano, sei cose che non sai

Buono, sano, leggero, digeribile e 100% naturale. Il Parmigiano Reggiano è un formaggio a pasta dura e a lunga stagionatura di elevato valore nutrizionale: contiene solo il 30% di acqua e ben il 70% di sostanze nutritive.

È ricchissimo di proteine, vitamine e minerali. Un alleato della salute che vale la pena conoscere meglio.

  1. È cibo per i muscoli. Per ottenere un chilo di Parmigiano Reggiano occorrono ben 14 litri di latte pregiato della zona d’origine: ecco perché basta una porzione da 25 grammi per assicurarsi un alto contenuto di proteine, che contribuiscono alla crescita e al mantenimento della massa muscolare. Perfetto prima o dopo la palestra.
  2. È privo di lattosio, per via del tipico processo di ottenimento del Parmigiano Reggiano. Via libera quindi anche per chi è intollerante.
  3. A seconda della stagionatura, cambiano gli abbinamenti in cucina. Lo stagionato 18 mesi si sposa bene con verdure crude come sedano e pomodorini dolci o con mostarde di frutta non piccanti, per esempio kiwi, albicocca o melone. Lo stagionato 24 mesi si abbina alla maggior parte dei primi piatti, zuppe e vellutate. Dai 22 ai 30 mesi è ottimo su carpacci di pesce o sul roastbeef, con rucola e un filo di olio evo.
  4. C’è anche un Parmigiano di montagna. Il Parmigiano Reggiano certificato “Prodotto di Montagna” è riconoscibile dal colore paglierino intenso dovuto ai fieni, ai prati e alle essenze presenti in montagna. La certificazione è rilasciata dall’Organismo di Controllo dopo avere verificato il rispetto di precisi requisiti di produzione e stagionatura.
  5. Il Parmigiano Reggiano è il formaggio DOP che vanta la più elevata produzione in aree appenniniche: sono ben 110 i caseifici e oltre 1.200 gli allevatori che, con 65mila bovine e 400mila tonnellate di latte prodotte ogni anno, contribuiscono a fortificare l’economia del territorio montano di Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna.

Abbinamenti gourmet

Il Parmigiano Reggiano stagionato dai 15 ai 18 mesi è ottimo con frutta fresca di stagione: mele, pere, uva, fragole. Lo stagionato dai 24 ai 28 mesi invece si esalta con la frutta secca:  noci, nocciole, fichi secchi e prugne secche.

L'appuntamento da non perdere

Curiose di assaggiarlo? Il Consorzio del Parmigiano Reggiano sarà protagonista con il Prodotto di Montagna a Pitti Taste, da sabato 9 a lunedì 11 marzo 2019 alla stazione Leopolda di Firenze.