Fame nervosa: placala con il gemmoderivato di fico

Redazione Pubblicato il 29/08/2017 Aggiornato il 30/09/2017

Le gemme e i tessuti embrionali delle foglie di fico calmano il senso di fame. Per questo possono aiutare a seguire più facilmente la dieta

fichi

Le gemme del frutto del fico e i tessuti embrionali delle sue foglie per calmare la fame nervosa. Il gemmoderivato di ficus carica, ricco di enzimi attivi sul pH gastrico e sulla mucosa dello stomaco è indicato anche per placare l’ansia e l’agitazione che si manifestano durante le diete ipocaloriche.

Il cromo, derivato dai giovani tessuti del fico, prima che spuntino i frutti, è assorbito velocemente ed ha una specifica funzione calmante sull’appetito.

Agisce molto rapidamente ed è particolarmente indicato anche per risolvere alcuni disturbi gastrici legati allo stress dal meteorismo al senso di nausea, alla sindrome del colon irritabile.

Come utilizzarlo

Come suggerisce il nostro fitoterapeuta Saverio Pepe  la cura prevede l’assunzione di 60 gocce in poca acqua al momento del bisogno o di 30 gocce dopo ogni pasto per tutta la durata della dieta e del suo mantenimento. I cicli possono avere una durata massima di 3 mesi, con uno di stop. Il vantaggio di questo rimedio sta nel fatto che è sedativo su una funzione specifica, quella dell’appetito, oltre a svolgere una generale azione anti ansia.