10/03/2021

Zenzero e zafferano, amici della linea

Saverio Pepe
A cura di Saverio Pepe
Pubblicato il 10/03/2021 Aggiornato il 11/03/2021

Aiutano a tagliare i condimenti, favoriscono la digestione e stimolano il metabolismo regalando colore e sapore a ogni ricetta

zenzero-zafferano

Uno è afrodisiaco, energetico, riequilibrante. L’altro è uno degli antiossidanti più potenti in natura. Entrambi hanno proprietà e sapori conosciuti e sfruttati da millenni nei Paesi asiatici.

Per questo zenzero e zafferano possono essere usati come insaporitori naturali in cucina, ovviando all’eccesso di sale che può avere effetti negativi sulla salute.

Zenzero, radice dalle mille proprietà

Lo zenzero fresco, mescolato a succhi o spicchi di mandarini, arance e limoni, arricchisce insalate, macedonie, dessert, piatti di pesce e scaloppine. Può essere grattugiato e mescolato a miele e marmellate da spalmare su fette di pane o fette biscottate integrali per una colazione nutriente all’insegna della leggerezza e dell’equilibrio nutrizionale. Provatelo con ceci e lenticchie, eccezionali fonti di proteine vegetali: si aggiunge a metà cottura, fresco o essiccato, per saltarne il sapore e favorire la digestione. Si può anche spolverizzare sugli spiedini di ananas e mela per uno spezza-fame dal sapore alternativo. Tagliato a fette e aggiunto all’inizio della cottura, arricchisce piatti a base di riso, uova, pollo e pesce.

Zafferano, per riso e non solo

La “morte” dello zafferano invece è il risotto. Se siete a dieta ma non volete rinunciare al gusto, provate la ricetta del riso pilaf allo zafferano, fiore all’occhiello della cucina mediorientale: si condisce con uvetta e pinoli, oppure pistacchi, mandorle e noci sgusciate, fatti tostate per qualche minuto in olio extravergine d’oliva.
Si otterrà un piatto gustoso, completo dal punto di vista nutrizionale e dall’elevato potere saziante. Lo zafferano si può aggiungere anche a yogurt e frullati per ottenere una bevanda corroborante. Conferisce un tocco particolare alla frutta cotta, come mele o pere. Un dessert light? Si ottiene con una bustina di zafferano, ricotta di pecora, zucchero e un cucchiaio di vino passito.

Amici dei condimenti

Zenzero e zafferano possono essere usati anche per preparare sali e altri condimenti. Mescolando la radice di zenzero con del sale marino fino integrale si ottiene un sale aromatizzato ideale per insaporire piatti caldi a base di legumi, cereali, minestre, patate e nell’impasto del pane integrale o di kamut.
Aggiunto all’olio extravergine di oliva e lasciato macerare in una bottiglia di vetro per una settimana, si ottiene un olio perfetto per piatti a base di carne e pesce al forno, uova, verdure dolci come patate, cipolle e carote. Il sale allo zafferano si prepara con sale marino integrale ed erbe aromatiche a piacere, essiccate e pestate finemente, per esempio rosmarino, salvia, maggiorana, alcuni spicchi d’aglio e foglie di alloro.

Il consiglio in più

Scegliete zenzero proveniente dal commercio equo e solidale (è di ottima qualità e in più darete una mano ai produttori locali e al pianeta) e zafferano di origine italiana, purissimo, sotto forma di stimmi (li riconoscete dal colore rosso intenso).