30/04/2022

Collo e décolleté a prova di scollatura

Alberta Mascherpa Pubblicato il 30/04/2022 Aggiornato il 10/05/2022

Se fino ad ora maglioni&C ti hanno salvata, adesso il décolleté si scopre. E se vuoi farlo senza grandi ansie non ti resta che darti da fare. Subito, però, senza aspettare l’estate

Sweet like honey

Colli alti, lupetti e camicette ben abbottonate sono un grande aiuto quando si tratta di mascherare le piccole, grandi imperfezioni di un’area delicata come quella di collo e décolleté. Ma adesso come si fa con le scollature?

Si passa subito all’azione con un programma che leviga, uniforma e rivela una pelle liscia e luminosa.

Cosa ti serve subito

Uno scrub ma che sia dolcissimo come richiede questa parte che per natura ha una pelle sottilissima, povera di sebo e quindi molto fragile. Puoi usare quello per il viso oppure una spazzola morbida evitando guanti di crine e spugne sintetiche ruvide. Esfoliare è importante per eliminare cellule morte, impurità e rendere subito più liscia e vitale la pelle. Per questo segna sull’agenda un appuntamento settimanale ricordandoti sempre di far seguire all’operazione gommage l’applicazione di una crema idratante per ripristinare la forza e la compattezza del film idrolipidico di protezione.

Se ti manca uniformità

Lo scrub è utile anche per rendere più omogeneo l’incarnato. Ma se noti qualche piccola macchia scura sul décolleté ti serve l’azione uniformante della vitamina C o del retinolo. Non hai ancora molto tempo per usarli in tutta tranquillità visto che le formule che li contengono non vanno d’accordo con il sole diretto. Scegli un trattamento in crema o in siero e applicalo comunque dopo la doccia serale sull’area del décolleté. Ricordati comunque che per il giorno ti serve una crema con un fattore protettivo tra il 30 e il 50 perché i raggi che arrivano sulla scollatura, anche se non scottano ancora provocano un danno che favorisce la formazione delle macchie.

Guarda anche sotto

Una bella scollatura non è solo una questione di pelle. Di mezzo c’è anche la tonicità del seno che la forza di gravità, e il tempo, tendono a trascinare verso il basso. Inutile ricordare che i trattamenti rassodanti per questa parte delicata non sono una bacchetta magica: funzionano nel tempo e vanno quindi applicati con costanza. Ma cominciare ora è sempre un buon inizio. Se poi ti impegni a metterli mattina e sera possono dare frutto prima. Meglio poi se li accompagni con un esercizio semplice ma da ripetere con costanza. Quando sei alla scrivania, in piedi, davanti alla TV, insomma dove ti capita, porta le mani giunte davanti al petto e premile con forza, una contro l’altra. Più ripetizioni fai meglio è, ma tieni comunque conto che è necessario mantenere la contrazione per 20 secondi perché l’esercizio faccia effetto.