16/12/2017

Piedi: le cure in inverno

Pediluvi, maschere e massaggio. Sono questi i segreti per avere piedi al top anche in inverno
piediinverno

Non solo durante la bella stagione, i nostri piedi meritano tutta la nostra attenzione.

Soprattutto nei mesi freddi, quando sono sottoposti a costanti frizioni a contatto con scarpe e calze, non sempre in fibra naturale. Senza dimenticare i fastidiosi geloni tipici della stagione. La regola aurea è mantenere alto il livello di idratazione.

Con Francesca Teresa Di Terlizzi, docente di estetica e direttore del centro Vrai Femme a Brescia, scopriamo pediluvi e impacchi ad hoc da fare a casa e i trattamenti da chiedere in istituto.

A domicilio

Contro i geloni. Miscelare in acqua due cucchiai di argilla utilizzando un mestolo in legno (evitare il metallo che ne potrebbe alterare le proprietà) e aggiungere una patata cruda grattugiata (fonte di sali minerali e vitamine B, C e K) e una carota spuntata e poi tritata, senza togliere la buccia, la parte più ricca in oligoelementi. Addizionare con olio extravergine di oliva. Una volta applicato il mix sui piedi, avvolgerli in una foglia di cavolo per 15 minuti per ottenere un effetto revitalizzante e rigenerante.
Anti-secchezza. Preparare un gommage con riso crudo frullato e olio extra vergine di oliva o mandorle, ad azione nutriente ed elasticizzante, e massaggiare le estremità, insistendo sulle zone più aride. Preparare la vaschetta del pediluvio con acqua tiepida, un cucchiaio di miele e panna liquida per emulsionare. A questo punto, è possibile aggiungere delle essenze. Per un effetto relax, utilizzare camomilla, melissa, lavanda, rosa o geranio. Contro lo stress, sì a ylang ylang, sandalo, neroli e limone. Per attivare la circolazione sanguigna, rosmarino, ginepro e regina dei prati. Lasciare in immersione per dieci minuti, asciugare con un panno di cotone e avvolgere i piedi in una coperta calda per altri dieci minuti.

In istituto

Il bagno in paraffina calda è il trattamento d’eccellenza nei mesi invernali. La paraffina è un olio minerale in forma liquida, in grado di nutrire e idratare l’epidermide in profondità. Inoltre, grazie alle virtù del calore, il rituale è perfetto per migliorare la circolazione sanguigna locale e dare sollievo a piccoli dolori. Le fasi della seduta prevedono un’esfoliazione preliminare per liberare la cute dalle cellule morte e la successiva immersione dei piedi per 15 minuti in una vaschetta riempita da paraffina. Al termine, si eliminano i residui del prodotto e si applica una crema emolliente. Da evitare per le donne in gravidanza e per quanti soffrono di disturbi alla circolazione e pressione alta (Durata: 30 minuti – Costo: 25 euro).
Il soin orientale inizia con un pediluvio realizzato con olio da bagno al limone, al pino, alla lavanda o al rosmarino. Segue uno scrub con sali del Mar Morto addizionato con olio di girasole, mandorle ed essenze di menta e vaniglia, da massaggiare con movimenti circolari su piedi, caviglie, gambe salendo fino al ginocchio. Si tampona con un asciugamano caldo e si esegue un massaggio thai foot con olio trattante alla torba, lavanda equiseto e ippocastano, ottimo per le persone sensibili al freddo (Durata: 30 minuti – Costo: 38 euro).