Cellulite&Co. Arriva l’onda che rimodella

Alberta Mascherpa Pubblicato il Aggiornato il 17/01/2019

Un’innovativa tecnologia di medicina estetica per il rimodellamento del corpo, lima cuscinetti e rotondità con il potere snellente delle microonde

onda rimodellante

Sei mesi di successi. Onda Coolwavers, la tecnologia italiana per il body shaping, in pochi mesi è stata provata da oltre mille pazienti, 80% donne e 20% uomini che hanno dimostrato al 90% di essere più che soddisfatti dei risultai.

Tutto merito del fatto che Onda offre una risposta non invasiva, sicura e al tempo stesso efficace a quanti vogliono rimodellare la silhouette in tempi brevi e con garanzia di risultato. Lo conferma il professor Paolo Bonan, responsabile di Dermatologia e Chirurgia Plastica presso la Casa di Cura Villa Donatello di Firenze e key officer nel board dell’European Society of Laser and Energy-based Devices (ESLD).

Con Onda Coolwaves mediamente sono sufficienti 3 o 4 sedute per ottenere benefici prolungati nel tempo.

Come funziona

Con questa tecnologia si possono trattare contemporaneamente tre inestetismi diversi, la cellulite, le adiposità localizzate e il rilassamento cutaneo, tutto in una seduta veloce e non invasiva.

Questo grazie a speciali microonde che emettono un’energia che viene perfettamente controllata da due manipoli “intelligenti”, uno specifico per le adiposità localizzate e la cellulite radicata da tempo e un altro che agisce più in superficie contro lassità e cellulite recente.

Un aiuto prezioso quindi per chi vuole rimanere o tornare in forma, senza dimenticare però, come precisa il professor Bonan, l’importanza di una corretta alimentazione e di un’attività fisica costante, indispensabili per tenere sotto controllo l’ago della bilancia e evitare che inestetismi come la cellulite peggiorino.

Quando farlo

Il trattamento può essere eseguito in qualsiasi stagione dell’anno e in qualunque fase della vita, anche dopo una gravidanza oppure dopo un intervento invasivo quale, ad esempio la liposuzione e volendo in abbinamento a un trattamento di crioadipolisi, senza che ci siano controindicazioni.