14/11/2017

Cellulite: 5 motivi per non trascurarla in inverno

Le temperature che scendono possono inaugurano un momento critico per la silhouette. Le cure si impongono d’obbligo
cell

Capita spesso di dimenticarsene. Eppure anche nascosta sotto strati spessi di abiti la cellulite c’è e rischia per di più di peggiorare nella brutta stagione. Ecco allora cinque ragioni per non trascurarla in inverno.

Si mangia di più

Intingoli e salse, piatti caldi molto elaborati, tazze di cioccolata fumante. La cucina invernale è più ricca di quella estiva e se a questo si somma il fatto che il freddo spinge a indugiare di più a tavola si capisce bene che è facile esagerare con le calorie. E il grasso che si accumula peggiora anche la cellulite arrotondando i cuscinetti nei punti critici.

Moderazione soprattutto con i piatti più calorici e largo invece a frutta e verdura di cui anche l’inverno è ricco.

Si beve di meno

E anche questo non è buono contro la cellulite perché bevendo poco si favorisce la ritenzione di liquidi e scorie che creano gonfiore e aggravano le manifestazioni della cellulite. Nessun voglia di bere acqua e altre bevande fredde? Si possono egregiamente sostituire con quelle calde, il tè verde e le tisane che con il loro apporto di antiossidanti e sostanze drenanti sono un aiuto prezioso contro i cuscinetti.

Si rimane più a lungo sul divano

La sedentarietà è l’alleato migliore della cellulite. Quando non ci si muove la circolazione rallenta e gli inestetismi della cellulite peggiorano. Meglio allora darsi una mossa: anche se fa freddo, l’impegno deve essere quello di fare movimento con regolarità magari al coperto dove il freddo non si sente.

Ci si copre troppo

Il caldo eccessivo soprattutto a livello delle gambe, quello che regalano stivali con il pelo, calze pesanti, pantaloni imbottiti, rallenta il flusso circolatorio e stimola l’accumulo di tossine. Chi sente in modo particolare il freddo può indossare le calze elastiche contenitive che con la giusta compressione mantengono attiva la circolazione.

Ci si scalda in tutti i modi

Ma attenzione ancora una volta che la circolazione ne risente. Niente scaldini quindi tenuti sulle gambe, termofori e coperte elettriche, soste prolungate nella vasca con acqua bollente e vicino a fonti dirette di calore. Per non rinunciare al piacere di un bagno caldo la soluzione migliore è passare sempre un getto freddo sulle gambe quando si esce dalla vasca.