11/04/2018

Tagli, protagonista il carré

Si porta con la frangia oppure con la riga in mezzo. L’importante, per la moda, è che arrivi al massimo appena sotto le orecchie
Coppola

E’ di nuovo carrè. Il fascino intramontabile del caschetto non conosce stagione e per la primavera torna ancora una volta a fare tendenza. Come portarlo è più che altro una questione di gusti e anche di proporzioni. Secondo Jordan Garrett, hairstylist che firma le teste di celebrities come Olivia Palermo e Mollie King, sono in particolare i visi ovali e tondi ad essere valorizzati a pieno dal bob soprattutto se portato con la riga in mezzo e con qualche ciuffo che scende sulle spalle a creare una simmetria che incorniciando il viso lo allunga e lo sfila leggermente.

Il taglio giusto

Attenzione invece se il viso è già per natura lungo e magari un po’ spigoloso: il carré ideale ha la riga laterale per riproporzionare le misure e magari con una frangia oppure un ciuffo laterale per spezzare la verticalità e “dilatare” in orizzontale i volumi. Con un viso squadrato meglio preferire caschetti leggermente più lunghi ma soprattutto con un andamento molto morbido in modo da addolcire i lineamenti. E ancora. Il maxi ciuffo che copre quasi gli occhi valorizza al massimo le labbra mentre per dare risalto agli occhi meglio puntare sulla frangia, anche piuttosto corta che funziona bene per minimizzare una fronte un po’ troppo importante.

Scelte di tendenza

Se il classico carré dall’aplomb perfetto realizzato a suon di brushing rimane una delle scelte più eleganti e stile non ci si deve dimenticare che il caschetto si può portare anche mosso per un look che richiama gli anni ’20 e persino volutamente disordinato per un glamour giovane e spiritoso. I capelli sono fini? L’idea giusta per dare volume e movimento alla chioma è quella di creare un caschetto sfilato sulle lunghezze. Piena libertà di scelta sul colore: se il più classico da abbinare al carré è il biondo in tutte le sue sfumature nulla vieta di sfoggiare un caschetto nerissimo e magari di cedere alla tentazione delle sfumature più vivaci, rosa in testa, per vivacizzare le punte oppure qualche ciocca qua e là.