Capelli: il carrè mosso è in, il liscio a piombo è out

Redazione Pubblicato il Aggiornato il 02/05/2018

Acconciature all’insegna della leggerezza, naturali e senza costrizioni per la primavera 2018. L'asciugatura è all'aria, per proteggere i capelli dal calore eccessivo di piastre e phon

GO_Coppola

C’è tanta voglia di capelli liberi e naturali. Addio quindi nella primavera/estate del 2018 alle chiome rigide, molto lavorate e artificiali e largo invece alla morbidezza, alle onde fluttuanti come quella regalata da un colpo di vento, sì ai volumi pieni, alle acconciature semplici, casual al limite del destrutturato.

Le nuove teste sono leggere grazie anche a tecniche di taglio capaci di creare contrasti tra pieni e vuoti in modo da regalare all’insieme un volume soffice e naturale.

Da asciugare all’aria

Il tutto valorizzato dall’asciugatura che spesso viene volutamente fatta all’aria per enfatizzare il movimento e la libertà delle ciocche che per altro senza calore eccessivo di phon e piastre risultano più protette e meno danneggiate. Anche il colore deciso ma sempre naturale enfatizza l’andamento libero dei tagli rendendolo l’insieme ancora più morbido e fluttuante.

In e out

In questo mood libero e leggero la primavera dice sì ai carrè wavy mossi da onde morbide ma non da boccoli stretti e rigidi e sì anche ai carrè corti con ciocche un po’ più lunghe e sbarazzine a incorniciare con dolcezza il viso. Di tendenza e molto gettonato anche il lob, un carrè alle spalle con una frangetta corta in perfetto stile anni ‘60 e i tagli medi che arrivano fino alla clavicola scalati sapientemente e portati molto naturali, quasi spettinati.

Cosa sarà out invece? Il liscio a piombo ma anche le onde troppo strette e marcate, le acconciature rigide fissate magari con il gel e con altri prodotti che rendono l’insieme eccessivamente strutturato. Anche tra i raccolti largo alla semplicità di code di cavallo basse che diventano eleganti semplicemente con un accessorio magari prezioso oppure coloratissimo.