Tarassaco per una tisana detox e antigonfiore

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 15/12/2018
Protegge il fegato, depura l’organismo, sgonfia gambe e piedi: l’erba amara tanto cara alle nonne è un rimedio naturale dalle mille virtù
tisana tarassaco

Dai giardinieri è considerato un’erba infestante, invece chi si occupa di fitoterapia ne apprezza le virtù medicinali più che millenarie. Da generazioni il tarassaco è usato come depurativo naturale  per eliminare le sostanze tossiche. La famiglia è quella delle Cichoriae, la stessa di cicoria e lattuga.

Tutte queste piante memttono per rottura un lattice bianco e contengono svariati principi attivi, per lo più amari, dotati di attività biologica e inulina, una fibra solubile che favorisce la digestione e regolarizza la funzionalità intestinale.

Tisana o decotto?

In fitoterapia si utilizzano le parti aeree fresche o essiccate per preparare efficaci tisane detox, Ne serve un cucchiaio per una tazza d’acqua. Lasciar agire per 5 minuti e poi filtrare. Ugualmente depurativo il decotto di tarassaco: in questo caso  far bollire per 4-5 g di fiori in una tazza d’acqua per 5 minuti. Filtrare prima di bere.

Le gocce diuretiche

In commercio è reperibile anche la tintura, da utilizzare nella misura di 10-15 gocce per 3 volte al giorno. La pianta intera (rizoma e radici incluse) si utilizza invece per stimolare la diuresi: l’effetto si manifesta solitamente dopo circa 20-30 minuti dall’assunzione. Utilizzato sotto forma di estratto liquido 1:1, la dose consigliata è di 4-10 ml di prodotto, fino a tre volte al giorno. L’azione diuretica è raccomandata per diete dimagranti, sindrome premestruale, gonfiore mestruale e gonfiore a gambe e piedi piedi.

Qualche controindicazione

Il rimedio è controindicato nei casi di calcoli alla cistifellea, gastrite e ulcera peptica, in gravidanza e allattamento. Attenzione anche alle interazioni con farmaci antinfiammatori, diuretici e ipoglicemizzanti.

L'idea in più

In tavola, il sapore piacevolmente amaro rende le foglie di tarassaco gradevoli al palato sia consumate fresche in insalata, sia cotte, mescolate con altre erbe