Intestino pigro? Riattivalo con l’indivia

Redazione Pubblicato il Aggiornato il 17/08/2017

Ricca di fibre, potassio e vitamina B3 l'indivia depura, contrasta gonfiori e meteorismo, ripristina la regolarità intestinale

indivia

La stitichezza è il principale disturbo che colpisce la popolazione occidentale. E l’indivia belga è considerato il rimedio migliore tra le tante verdure ricche di fibre.

Grazie alla lignina, una fibra insolubile che oltre ad attirare acqua nel lume intestinale, si attiva già dallo stomaco, facilitando poi il transito.

Detox e sgonfiante

Come spiega il fitoterapeuta Saverio Pepe anche le vitamine e i sali minerali ne fanno un ottimo regolatore dell’intestino. Il potassio, ad esempio, aumenta la capacità di eliminare le tossine, favorendo un generale senso di depurazione. La vitamina B3, stimola la flora batterica, eliminando anche i gas intestinali che si formano subito dopo pranzo.

Stop ai lassativi

Con un consumo quotidiano (o comunque più volte a settimana) dell’indivia la salute dell’intestino migliora, i nutrienti sono assorbiti meglio e la stitichezza può essere contrastata senza dover ricorrere a lassativi. Proprio a chi ha abuso di lassativi e soffre d’infiammazioni del basso intestino con emorroidi, l’indivia belga arriva in soccorso, favorendo una regolare evacuazione e contribuendo alla risoluzione del problema.

Come prepararla

L’indivia fornisce appena 15 calorie per 100 g di prodotto, per questo è l’ingrediente idale di tanti piatti light. Si può gustare semplicemente in insalata, scartando le foglie esperne più dure e macchiate. Oppure saltata in padella, alla piastra, stufata, brasata, gratinata. Si può aggiungere alle zuppe e nei ripieni delle torte salate.

La ricetta veloce

Pulire 2 cespi di indivia e tagliare a rondelle. Unire una mela a fettine e un’arancia spellata al vivo. Condire con un’emulsione preparata con  2 cucchiai di olio extravergine di oliva, il succo di mezzo limone, sale, pepe e un cucchiaino di semi di sesamo.