03/02/2018

Artiglio del diavolo contro torcicollo e mal di schiena

Saverio Pepe
A cura di Saverio Pepe
Pubblicato il 03/02/2018 Aggiornato il 03/02/2018

Durante la stagione fredda si utilizza per contrastare tutti i fastidi tipici: cervicalgie, artriti, lombosciatalgie. L'artiglio del diavolo funziona sia nelle cure interne che applicato localmente

artiglio-diavolo-dolori

Diffuso nell’Africa Sud-Occidentale e in particolare nel deserto del Kalahari, nelle steppe della Namibia e in Madagascar, l’artiglio del diavolo deve il suo nome alle quattro appendici dure che lo caratterizzano. Queste escrescenze sono dotate di robusti uncini che, penetrando nel corpo o nelle zampe degli animali, procurano serie ferite, costringendoli a compiere una danza “indiavolata”.

Invece, sotto forma di tintura madre è uno dei più efficaci rimedi naturali contro i dolori più svariati. In particolare durante la stagione fredda si utilizza per contrastare fastidi tipici come cervicalgia  e lombosciatalgia.

La tintura madre

Come spiega il nostro fitoterapeuta Saverio Pepe, la tintura madre di artiglio del diavolo ha un’azione analgesica periferica, miorilassante perché regolarizza il flusso di calcio nella muscolatura liscia. Può essere associata ai farmaci antinfluenzali, quando si vuole un’azione antidolorifica più mirata sulle articolazioni. Se ne assumono 30 gocce in mezzo bicchiere d’acqua due volte al giorno.

L’impacco caldo

Si può utilizzare direttamente anche la radice ma poiché ha un sapore davvero poco gradevole la soluzione più pratica è l’applicazione esterna. Se ne mette un cucchiaio in 150 ml d’acqua e si porta a ebollizione per dieci minuti. Si filtra e il decotto ancora caldo si utilizza imbevendo del cotone idrofilo che va passato sulle zone doloranti o lasciato in loco sino all’attenuazione del dolore. Molto utile in caso di torcicollo dovuto a sforzo ma anche a freddo o nervosismo.

Creme e pomate

L’artiglio del diavolo si trova anche in crema, gel, pomate da applicare sulle parti infiammate o dolenti. Perché sia efficace la concentrazione dei principi attivi deve essere almeno del 10%.  Viene consigliato per i piccoli traumi e per massaggi defatiganti dopo l’attività sportiva.