17/02/2019

Rituale alla lavanda per un massaggio total body

Emanuela Bruno
A cura di Emanuela Bruno
Pubblicato il Aggiornato il 17/02/2019

L'olio essenziale di lavanda è il protagonista assoluto del massaggio total body, che regala relax psicofisico oltre a rendere la pelle più compatta, levigata e idratata

massaggio lavanda

Della lavanda conosciamo il profumo intenso e piacevolissimo, ma forse non tutte le innumerevoli proprietà, che la rendono un ingrediente prezioso nel mondo della cosmesi e dell’estetica. I cosmetici a base di lavanda vengono preparati con ingredienti naturali e si usano in una serie di trattamenti multisensoriali di grande piacevolezza.

L’azione della lavanda si ottiene sia attraverso il contatto con l’epidermide che attraverso l’olfatto, e i suoi benefici sono molto numerosi.

Molteplici gli effetti, a tutti i livelli

Di tutti i benefici ce ne parla Federica Giussani, fisioterapista specializzata nel campo della fisioestetica e Spa supervisor della Olispa del Castello di Velona (SI), che sottolinea come l’olio essenziale di lavanda, ottenuto lasciando i fiori essiccati in infusione nell’olio di oliva, possa diventare il protagonista di un lungo e articolato rituale di benessere total body.
È efficace come sedativo, antistress e riequilibrante del sistema nervoso, ma è utile anche come antinfiammatorio, con forti proprietà calmanti ad ampio spettro: per i fastidi digestivi, le punture di insetto o i dolori muscolari e articolari. In estetica i cosmetici a base di lavanda sono molto usati, perché danno tono alla pelle, riequilibrano la produzione di sebo, combattono impurità, acne e irregolarità della pigmentazione, inoltre hanno azione antiage, rigenerante, levigante e concorrono all’attenuazione degli inestetismi della cellulite.

Dal welcome touch al massaggio rilassante

Un rituale completo alla lavanda dura circa un’ora e mezza e si articola in diverse fasi: si apre con un “welcome touch”, in cui l’operatrice immerge le mani nell’essenza ed esegue dei gesti davanti al viso della persona, in modo da permetterle di inspirarne subito il profumo e predisporsi al rilassamento. L’olio essenziale di lavanda viene anche mescolato all’acqua e usato in speciali diffusori, per profumare l’ambiente durante tutto il trattamento.

  • La prima fase del lavoro è uno scrub, in cui si usa l’olio essenziale di lavanda miscelato con sale marino, miele e fiori di lavanda essiccati. Il composto si applica su tutto il corpo con manovre scivolate, asporta le impurità e le cellule morte superficiali, drena i liquidi in eccesso per osmosi e predispone i tessuti alle cure successive.
  • La fase centrale della seduta prevede una maschera ristrutturante, eseguita mescolando l’olio essenziale di lavanda a una crema corposa, nutriente e idratante, e un massaggio avvolgente e distensivo, con olio di lavanda filtrato e riscaldato. Le manovre sono molto dolci, partono sempre dai piedi e salgono fino al viso e alla testa, prima sulla parte posteriore del corpo e poi su quella anteriore. La pressione dei tocchi e degli scivolamenti viene scelta caso per caso, soffermandosi se necessario sulle zone più contratte (come il dorso o le spalle).
  • La seduta si conclude con un gradevole massaggio della cute, fra i capelli, per completare il relax e il benessere psicofisico.