17/05/2019

Frutta secca e cioccolato per il buonumore

Alberta Mascherpa Pubblicato il Aggiornato il 17/05/2019

Gli sbalzi climatici vi rendono irritabili? Ci sono cibi che regalano benessere e buonumore senza pesare sulla bilancia

cibo e buonumore

Questo clima bizzarro rischia di mettere di malumore. Ci si sente stanche, facili all’arrabbiatura, a volte persino un po’ tristi.

Il rischio è quello di lanciarsi sul cibo per consolarsi esagerando fino a far salire pericolosamente l’ago della bilancia.

Ma ci sono invece alcuni cibi che hanno un ottimo sapore, soddisfano il gusto, coccolano e fanno aumentare il buonumore ma non pesano sulla linea.

Il cioccolato fondente

Energizzante e ricco di antiossidanti che tengono lontano l’invecchiamento, il cioccolato fondente ha un elevato contenuto di teobromina, una sostanza che aiuta a ridurre la stanchezza fisica. In più alza i livelli di serotonina che migliora il tono dell’umore. Attenzione ovviamente a non esagerare: un paio di quadratini sono un ottimo spuntino che fa sentire meglio a metà mattina o nel pomeriggio.

La papaya

Dolce e succosa, la papaya è ricca di gusto ma povera di calorie. In più favorisce la regolarità intestinale, evita l’accumulo di tossine aiutando a contrastare la cellulite. In più contiene antiossidanti e vitamine e aiuta a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo con benefici per la salute dell’apparato cardiovascolare. Uno dei vantaggi di questo frutto poi è che si può tagliare a pezzetti e mettere in un contenitore, pronto per essere gustato in ogni momento della giornata, in ufficio, dopo la palestra e quando si ha voglia di qualcosa di dolce.

La frutta secca

Non ci sono dubbi che faccia bene. Perché contiene grassi buoni, Omega 3 e 6, che si prendono cura della salute del sistema cardiocircolatorio, antiossidanti in grande quantità e poi vitamine, minerali e proteine nobili. In particolare le mandorle sono ricche di magnesio, un minerale importante per il benessere perché la sua carenza può dare irritabilità e insonnia. Nelle nocciole invece c’è molto ferro che dà energia e vitalità mentre nei pistacchi la tiamina aiuta a migliorare l’umore.

L'errore da evitare

Attenzione in ogni caso che la frutta secca è molto calorica: meglio non consumarne più di una trentina di grammi al giorno che equivalgono a circa sei noci, una decina di mandorle e una manciata di pistacchi.