01/12/2016

Soia, nemica della fertilità maschile

Un nuovo studio ipotizza un effetto negativo della soia sulla fertilità maschile. Ma lui non deve eliminarla dal menu: basta che ne moderi il consumo
soia

Amica delle donne in menopausa, la soia può nascondere invece delle insidie per lui, perché un eccesso, potrebbe compromettere la fertilità maschile. Sono i risultati di uno studio della Fondazione IVI, Francisco Dominguez, l’istituzione medica leader mondiale della riproduzione assistita, nata a Valencia e ora presente in tutta Europa e in America con 52 cliniche.

Sostanze come la daidzeina e la genisteina (i cosiddetti “fitoestrogeni”), presenti in prodotti con soia, tra cui latte, yogurt, tofu o miso hanno un impatto negativo sulla qualità del liquido seminale e di conseguenza sulla capacità riproduttiva.

Utile, ma nelle giuste quantità

La soia è un legume utile per la salute. Contiene ben 8 amminoacidi essenziali (che il corpo non sintetizza, quindi bisogna assumerli attraverso gli alimenti), minerali e vitamine. Ha diverse proprietà: abbassa il colesterolo “cattivo” e mantiene in equilibrio quello “buono”, ha un basso indice glicemico e controlla la fame, è utile nei disturbi del ciclo e in menopausa. Ma non per questo bisogna abusarne.

L’impatto degli inquinanti ambientali

Lo studio dell’IVI, effettuato sui donatori di seme, ha cercato di analizzare l’effetto di inquinanti ambientali (si chiamano “interferenti endocrini” e sono sostanze chimiche con cui si viene a contatto tutti i giorni e che possono interferire negativamente con l’equilibrio ormonale) e di altre sostanze che, come i fitoestrogeni, incidono con la variazione nel numero dei cromosomi (aneuploidia) o con aberrazioni cromosomiche nel liquido seminale, modificandone la qualità.

I risultati sui donatori

Ha cercato di verificare, grazie a un questionario, a quali contaminanti i donatori di seme sono più spesso esposti. I test successivi hanno stabilito se queste sostanze erano presenti nel sangue, nell’urina e nel liquido seminale. Il gruppo di ricerca ha riscontrato alti livelli di questi interferenti endocrini nel seme dei donatori, che possono dare origine a spermatozoi con un numero inadeguato di cromosomi. Per esempio, queste anomalie sono le causa di una scarsa motilità degli spermatozoi che influenza negativamente la capacità riproduttiva di questi donatori.

E le conseguenze sulla fertilità femminile?

In una futura fase di ricerca, si cercherà di replicare lo studio sulle donne per valutare se questi agenti influenzano anche il numero di ovociti e la loro capacità di riproduzione. In attesa di conferme gli esperti consigliano di consumare la soia in germogli non più di due volte alla settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.