12/08/2017

S.O.S. spiaggia: vademecum per una bellezza al top in riva al mare

I capelli crespi e la pelle che tira. Ma anche le piccole rughette del contorno e i rossori dovuti al sole. In spiaggia non basta usare i solari: serve qualche attenzione in più
sosspiaggia

Una vacanza al mare è perfetta per rilassarsi e rigenerarsi. Ma la vita da spiaggia non è proprio un toccasana né per la pelle né per i capelli.

Sole e salsedine, docce ripetute e lavaggi affrettati lasciano infatti il segno se non si mette in atto un piano strategico di salvataggio.

Proteggi i capelli

I capelli hanno bisogno ad esempio della protezione di un solare specifico durante il giorno controllando che nella lista degli ingredienti ci siano preziosi oli vegetali come quello di argan che, oltre a potenziare l’azione protettiva, nutrono e ricompattano le squamette superficiali che fanno da barriera al capello e lo rendono lucente. Un risciacquo veloce con acqua dolce dopo le immersioni è indispensabile per togliere residui di sale e cloro che possono inaridire ma una volta al giorno occorre anche un lavaggio più profondo con uno shampoo delicato, un balsamo oppure una maschera ad azione nutriente e restitutiva. Utile anche sostituire nei momenti in cui il sole è debole lo spray protettivo con uno ad azione nutriente e rigenerante da vaporizzare generosamente in particolare sulle punte, la parte più sofferente del capello.

Nutri la pelle del corpo

Una pelle che si inaridisce finisce per squamarsi e per perdere più velocemente del dovuto il colorito dorato regalato dal sole. Idratazione e nutrimento rinforzato sono i due gesti che permettono di evitare aridità e fastidiose spellature. I prodotti che si possono utilizzare per centrare l’obiettivo sono diversi. Si parte con il doposole, formulazione messa a punto nello specifico per restituire alla cute ciò che il sole e la salsedine le possono togliere. In alternativa sono perfetti anche i latti e le creme per il corpo puntando sulle formule che hanno un’azione restitutiva particolarmente intensa grazie alla presenza di sostanze come la glicerina, il burro di karité, gli oli vegetali, gli estratti di miele e le proteine del riso. Attenzione anche alla doccia che deve essere fatta sempre con prodotti delicati per evitare di intaccare il film idrolipidico ed esporre la cute a un maggior rischio di disidratazione.

Tratta il viso con dolcezza

Quello che rimane sul viso dopo i lunghi bagni in acqua ha una forte azione dissecante che insieme al sole contribuisce a far perdere equilibrio alla cute: il primo gesto di cura in spiaggia è quindi un prolungato risciacquo con acqua dolce. Dove non è si ha a disposizione l’acqua si può ricorrere alle pratiche salviettine messe a punto proprio per eliminare i residui di sabbia e salsedine e offrire freschezza e benessere all’epidermide. Per compensare le carenze idriche è importante anche affidarsi a un prodotto dall’azione idratante rinforzata che si può applicare la sera ma anche durante il giorno appena si sta all’ombra abbondando nelle dosi perché la pelle ne assorba quanto ne ha bisogno per dissetarsi.