01/12/2016

Erbe aromatiche: i benefici che non ti aspetti

Dalla salvia all’erba cipollina, considerarle solo un condimento è un vero peccato. Oltre a dare sapore ai piatti, fanno bene alla salute
erbe-aromatiche

Coltivare erbe aromatiche in casa significa avere sempre a disposizione una fonte naturale di aromi e sapori. Il profumo e i colori illuminano l’ambiente e lo rendono gradevole. Crescono facilmente anche in piccoli spazi e non richiedono particolari cure.

Sono un concentrato di principi salutari e una fonte di vitamine e sali minerali benefici per l’organismo.

Viste da vicino

  1. Citronella. Si usa con moderazione per dare sapore di limone alle pietanze. In medicina le foglie sono curative in caso di gonfiore e indigestioni, possono essere usate anche come sedativo o per preparare tisane per la sera. Il profumo aiuta ad allontanare le zanzare.
  2. Basilico. È ricco di potassio, che serve a regolare l’equilibrio idrico, e fosforo, un elemento fondamentale per la salute delle ossa.
  3. Menta. Può curare tosse e raffreddore, per via delle proprietà sedative e spasmodiche. Per chi soffre di alitosi, strofinata sui denti aiuta a prevenirla e a combatterla. Leggermente afrodisiaca, se consumata cruda è un ottimo condimento per piatti di formaggio, per insalate, macedonie e cocktail.
  4. Erba cipollina. Ideale per insaporire piatti caldi e freddi, al contrario della cipolla e dell’aglio è molto digeribile e è preziosa contro l’alito cattivo. Rinforza i muscoli, favorisce la circolazione e allevia i dolori addominali.
  5. Rosmarino. Calma i reumatismi e il torcicollo ed è un eccellente tonico cerebrale: in caso di stanchezza, affaticamento e difficoltà di concentrazione, è utile un infuso da consumare tutti i giorni. Grazie alla presenza di flavonoidi e altri antiossidanti, aiuta a disintossicare il fegato. Con la carne è ideale, perché migliora la digestione dei grassi.
  6. Timo limone. L’intenso sapore di limone lo rende ideale per insaporire le pietanze di carne, pesce e insalate. Una volta essiccato, mantiene il suo aroma, che risulta più forte e concentrato. Gli infusi con foglie e fiori, sia secchi che freschi, sono ottimi per curare tosse, raffreddore e difficoltà digestive.
  7. Salvia. Il nome latino Salvia Officinalis significa “pianta che salva”, infatti alcuni popoli credevano che potesse resuscitare i morti se usata durante i riti magici. Aiuta a proteggere dalle infiammazioni di bocca e gola, calmare i crampi addominali e tonificare il sistema nervoso. Inoltre sembra che sia in grado di risvegliare gli ardori maschili e femminili…